Tragico risvolto nella vicenda dei tagli alla Ericsson?

ericsson_serpentone Roma 21 maggio 2009 – Un uomo, del quale resta  riservata l’idenità, dipendente della multinazionale svedese Ericsson Telecomunicazioni, si sarebbe suicidato oggi intorno alle ore 12, buttandosi da uno degli edifici della sede romana, detto il “serpentone”.
Voci di corridoio parlano di un gesto dettato dalla disperazione, a seguito di una lettera in cui si chiedeva all’uomo di entrare in mobilità.
Sembra che l’uomo avesse lavorato in passato alle antenne, e quindi aveva conservato l’accesso alle terrazze degli edifici da cui si sarebbe buttato.
Un’altra ipotesi vedrebbe l’uomo vittima di una caduta accidentale, alla quale però i colleghi non credono a causa di un evidente disagio dell’uomo dovuto oltre che ai problemi lavorativi anche a vicende personali.
I dipendenti dell’azienda sono stati trattenuti all’interno degli edifici, mentre fuori giace il corpo in attesa dell’arrivo della polizia che farà le indagini sul caso.
L’episodio sembrerebbe legato alle ultime vicende della azienda che lo scorso dicembre ha definitivamente chiuso la sede romana dell’area di Ricerca&Sviluppo, in seguito a riorganizzazioni e tagli che hanno visto il trasferimento e l’allontanamento di circa 300 dipendenti in altre sedi della Penisola ed anche in altre aziende. ( R. S. )
 

link archivio:
Ericsson;
Ericsson2.

Posted by on 21 maggio 2009. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento