ADDIO BUROCRAZIA – ATTO 2°

REGGIO CALABRIA 28 Settembre 2009 – “AddioBurocrazia”: dopo i Giovani Imprenditori siciliani, anche in Calabria monta la protesta contro quello che è considerato un vero e proprio cancro e un freno allo sviluppo e alla libertà di impresa. Il Mezzogiorno, già campo minato per chi ha deciso di investire, è funestato sempre più da quella che in molti definiscono la mafia grigia, capace di condizionare e frenare un vero sviluppo dal basso.

“Non è più possibile tollerare l’inefficienza di chi dovrebbe essere al servizio di cittadini e imprese e che troppo spesso si trasforma in esercizio di potere fine a se stesso o peggio in terminale di malaffare e corruzione” ha dichiarato in nome dei Giovani Imprenditori calabresi il Presidente Florindo Rubbettino, facendo eco al collega siciliano Giorgio Cappello.
Ma per fare in modo che questa protesta non rimanga l’ennesimo appello, i Giovani Imprenditori hanno annunciato, sul modello dei colleghi siciliani, l’istituzione di una vera e propria “unità di crisi”, che raccoglierà le segnalazioni di casi di “malaburocrazia e che agirà per accertare la responsabilità personale dei singoli inefficienti burocrati che, con il loro comportamento, causano oggettivi danni alle imprese. I Giovani Imprenditori attraverso Confindustria hanno intenzione di raccogliere e schedare le segnalazioni e promuovere azioni di denuncia pubblica sui singoli amministratori e dipendenti pubblici che si rendano responsabili di abusi e omissioni a danno delle aziende.

AddioBurocrazia vuole essere però anche un modo per segnalare le eccellenze della pubblica amministrazione raccogliendo segnalazioni sui casi di eccellenza e di buon funzionamento della PA.

A tal fine è stato istituito un apposito indirizzo e mail dove inviare le segnalazioni (addioburocrazia@confindustria.calabria.it).

Posted by on 28 settembre 2009. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento