OPERAZIONE "JET LAG" : CATTURATE 14 PERSONE

A Ragusa smantellata dai Carabinieri una rete di trafficanti e spacciatori di stupefacenti
Bloccato traffico dalla Colombia, dal Brasile e dal Marocco

Ragusa martedì 10 novembre 2009 – I Carabinieri del nucleo investigativo del Comando Provinciale di Ragusa, al termine di complesse indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale di Catania, hanno stroncato una rete criminale che importava cocaina dal sudamerica e hashish dal Marocco per poi distribuirla nel comprensorio ragusano.
L’operazione e’ stata denominata “jet lag” (dal “disturbo” creato dal fuso orario percepito nei viaggi intercontinentali in aereo), in riferimento agli arresti a riscontro compiuti nel corso dell’approvvigionamento di stupefacente dal sudamerica, uno dei quali unitamente alla polizia brasiliana.

Nelle prime ore di oggi, a Ragusa, Catania, Comiso, Acate, Vittoria (RG) e Milano, venivano eseguiti 19 provvedimenti cautelari, di cui 15 in carcere, 2 arresti domiciliari e 2 obblighi di dimora, nei confronti di altrettante persone, di cui alcune di origine colombiana, ritenute responsabili, a vario titolo, di traffico di sostanze stupefacenti in concorso del tipo cocaina, marijuana e hashish.
I provvedimenti cautelari emessi dal gip presso il Tribunale di Catania dott.ssa Antonella Romano, su richiesta del sostituto procuratore dott. Fabio Scavone, riguardano numerosi episodi di traffico e spaccio di cocaina, marijuana e hashish, avvenuti nel periodo maggio 2006 – settembre 2007.
Per la prima volta nella provincia di Ragusa viene applicata da parte dell’autorita’ giudiziaria una forma di aggravante specifica contenuta nella convezione di Palermo del 2006 da cui e’ scaturita la legge 146/2006, poiche’ diversi catturati hanno commesso parte sostanziale del fatto-reato in piu’ di uno Stato e agendo sotto forma di gruppo criminale organizzato.
L’attivita’ di distribuzione avveniva nella Sicilia sud-orientale, in particolare nel territorio di Ragusa, Vittoria, Comiso e Santa Croce Camerina.
I personaggi di spicco coinvolti nell’indagine sono:
• Nicaso Mario, insospettabile comisano, trentasettenne, gia’ arrestato nel maggio 2007 poiche’ coltivava e deteneva, presso una campagna e nella sua abitazione estiva, piante di canapa indiana. Mentre nell’agosto 2007 veniva tratto in arresto dalla polizia brasiliana unitamente alla convivente Rigal Parra Ivian, su segnalazione di questo reparto, poiche’ tentavano di trasportare in italia circa 1,5 kilogrammi di cocaina. Dalle indagini e’ altresi’ emerso che lo stesso acquistava e trasportava dal Marocco ingenti quantitativi di hashish. Attualmente detenuto in Brasile;
• Campagnaro Carlos Alberto, quarantenne, argentino, gia’ residente nel comune di Ragusa, attualmente ad Arluno in provincia di Milano, arrestato all’aeroporto di Fiumicino nell’aprile del 2007, su indicazione di questo reparto, poiche’, di ritorno dalla Colombia, trasportava, occultati, 500 grammi di cocaina;
• Anselmi Nazareno gia’ condannato per reati della stessa specie e in ultimo condannato per associazione mafiosa quale appartenente al clan “laudani” di Catania, fornitore di Campagnaro e di Cannizzaro Giuseppe, altro arrestato nella operazione odierna.
Nel corso dell’attivita’ d’indagine, condotta mediante intercettazioni telefoniche ed ambientali, sono stati complessivamente sequestrati, in piu’ circostanze, oltre 2 chilogrammi di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” e alcuni kilogrammi di canapa indiana e tratte in arresto, a riscontro, 7 persone in flagranza di reato.
All’operazione hanno presso parte circa 100 militari del Comando Provinciale Carabinieri di Ragusa, nonche’ unita’ cinofile, addestrate per la ricerca di stupefacenti, in forza al nucleo di Nicolosi (CT).

 

Posted by on 10 novembre 2009. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento