Patrona dell’Arma: a Roma si ricorda il ten. Pittoni

Roma 21 novembre 2009 – Nella mattinata si è svolta a Roma, presso la Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri, la Santa Messa in onore della Virgo Fidelis, Patrona dell’Arma dei Carabinieri, celebrata dall’Ordinario Militare, S.E. Mons. Vincenzo Pelvi, alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Vincenzo Camporini, del Comandante Generale dell’Arma Leonardo Gallitelli, dei Vertici dell’Istituzione, di rappresentanti dell’Associazione Nazionale Carabinieri, dell’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri, degli organismi di rappresentanza militare, nonché di numerosi carabinieri dei vari gradi in servizio presso i reparti della Capitale. Analoghe celebrazioni hanno avuto luogo in contemporanea in tutta Italia. La cerimonia di Roma è stata preceduta dalla commemorazione dell’anniversario della “Battaglia di Culqualber” con la deposizione di una corona di alloro presso il “Sacrario” del Museo Storico dell’Arma da parte del Generale Gallitelli. Dopo la funzione religiosa presso il Comando Generale, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, alla presenza del Comandante Generale e del Sen. Gen. Umberto Cappuzzo, Presidente dell'”Associazione Nazionale Reduci dalla prigionia, dall’Internamento, dalla Guerra di Liberazione e loro familiari”(ANRP), ha consegnato al padre del Tenente Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria Marco Pittoni la “Targa di Benemerenza Icaro”, per essersi distinto per “eccezionale coraggio ed esemplare sprezzo del pericolo”. Il Tenente Pittoni, infatti, il 6 giugno del 2008 a Pagani (SA), non aveva esitato ad affrontare due rapinatori all’interno di un ufficio postale senza fare uso dell’arma in dotazione per salvaguardare l’incolumità dei cittadini presenti, venendo colpito mortalmente da un terzo malvivente che, nel frattempo entrato in azione, lo aveva aggredito alle spalle.

Posted by on 21 novembre 2009. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento