Insediato il nuovo Capo di Stato Maggiore dell’Arma: ha comandato per 4 anni la Legione Sicilia

ROMA 2 Dicembre 2009 – Si è svolta questa mattina nella Sala di Rappresentanza del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, alla presenza del Comandante Generale Leonardo Gallitelli, la cerimonia di insediamento del Generale di Divisione Arturo Esposito nella carica di Capo di Stato Maggiore dell’Arma dei Carabinieri, incarico di nomina del ministro della Difesa Ignazio La Russa.
Dal dicembre 2008 Sottocapo di Stato Maggiore, il Generale Esposito era giunto al Comando Generale dopo aver comandato per oltre quattro anni la Legione ”Sicilia”. Il Generale di Divisione Arturo Esposito e’ nato a Napoli il 19 agosto 1949, arruolato il 22 ottobre 1969, ha frequentato il 151° corso dell’Accademia Militare di Modena, conseguendo la promozione a Sottotenente nel 1971. Laureato da giovane in Giurisprudenza, presso l’Universita’ Federico II di Napoli, ha poi conseguito la laurea in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna ed in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni, rispettivamente, presso l’Universita’ Tor Vergata in Roma e l’Universita’ degli Studi di Catania. Esposito e’ Ufficiale Superiore nel 1986, Tenente Colonnello nel 1989, Colonnello nel 1995, Generale di Brigata nel 2001 e Generale di Divisione dal 1 gennaio 2006. Ha frequentato il 110° corso superiore di Stato Maggiore presso la Scuola di Guerra, il XV corso di orientamento e formazione sulle organizzazioni internazionali, il 12° corso internazionale di Alta Specializzazione per le Forze di Polizia. Ha retto i Comandi Provinciali di Foggia e Bologna, nonche’ quelli della Legione Sicilia e dell’Interregionale ”Culqualber”. Ha altresi’ ricoperto prestigiosi incarichi nell’ambito dello Stato Maggiore del Comando Generale, tra i quali, quello di Capo del II Reparto, dal 2000 al 2004, e quello di Sottocapo di Stato Maggiore, dal 2008 ad oggi.

Posted by on 2 dicembre 2009. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento