Messina: due persone arrestate e due denunciate per danneggiamento e raccolta di specie vegetali protette

MESSINA 12 Dicembre 2009 – Prosegue l’azione di controllo del territorio per la prevenzione ed il contrasto dei reati in genere a cura dei Carabinieri della Compagnia di Mistretta che, ieri sera, hanno individuato due soggetti che si erano introdotti in un’area boschiva protetta ed avevano tagliato alcune piante, appartenenti alla specie protetta dell’agrifoglio. Tale pianta, il cui periodo di crescita è molto lungo, è infatti inserita tra le specie protette appartenenti al patrimonio della flora nazionale.
A fermare i due cittadini palermitani, nel territorio del Comune di Caronia (ME), sono stati i Carabinieri della Compagnia di Santo Stefano di Camastra in collaborazione con quelli della Stazione di Capizzi.
A finire in manette, un 53enne, e un 35enne, entrambi già noti alle Forze dell’Ordine, i quali sono stati arrestati poiché responsabili di danneggiamento aggravato e raccolta di specie vegetali protette. Nella circostanza venivano altresì denunciati per i medesimi reati altri due soggetti, anch’essi palermitani, rispettivamente di 53 e 50 anni.
L’attività investigativa dei Carabinieri era incominciata nel primo pomeriggio di ieri a seguito di una segnalazione pervenuta ai Carabinieri della Stazione di Capizzi, in cui era stato segnalato che in contrada Pomiere di quel comune alcune persone all’interno di un’area boschiva protetta da vincolo ambientale avevano tagliato ed asportato un ingente quantitativo di piante di agrifoglio, successivamente caricate a bordo di un furgone Opel Movano. Diramate immediatamente le ricerche del mezzo, le pattuglie in servizio esterno di perlustrazione hanno intercettato e bloccato lungo la S.P. 168, nei pressi del centro abitato del Comune di Baronia. A bordo del mezzo i due sono stati identificati ed arrestati in flagranza di reato. Le piante di agrifoglio recuperate sono state poste sotto sequestro.

Posted by on 13 dicembre 2009. Filed under News Locali. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento