Roma: dimentica fucila al poligono e ne simula furto, denunciato

ROMA 14 Dicembre 2009 – Nella serata di sabato 12 dicembre un medico di anni 51 ha denunciato alla Polizia di Stato la rapina del proprio fucile di precisione con il quale, durante il pomeriggio, si era allenato presso un poligono di tiro alle porte di Viterbo.

Nella circostanza il professionista ha dichiarato che la propria autovettura di ritorno dal poligono, poco prima di tornare sulla Cassia Veientana in direzione di Roma, ha sbandato per un problema ad una ruota e non appena lui si è fermato per verificare lo stato dello pneumatico, è stato avvicinato da un’autovettura dalla quale sono scesi tre uomini di cui uno armato di pistola che gli hanno intimato di consegnare la voluminosa custodia contenente il gioiello balistico, un SAKO cal. 308 con ottica di precisione Swarosky, del valore di 10.000 euro.

Esperite immediate indagini, domenica mattina i poliziotti del Commissariato Castro Pretorio hanno ritrovato l’arma all’interno del poligono dove peraltro era stata dimenticata del proprietario. Una volta rintracciato, non ha potuto far altro che tornare al Commissariato Castro Pretorio e rendere spontanee dichiarazioni circa l’accaduto. Ha confessato di essere stato preso dal panico perché giunto a casa non ha trovato in macchina l’arma ed ha temuto di poter essere denunciato per omessa custodia di arma e quindi ha inventato il racconto della rapina.

L’uomo è stato pertanto denunciato in stato di libertà per simulazione di reato e procurato allarme; gli Agenti hanno provveduto inoltre al sequestro amministrativo di 13 fucili ed 1 pistola legalmente detenute, così come al ritiro dei relativi titoli autorizzatori.

Posted by on 15 dicembre 2009. Filed under News Locali. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento