Messina: visita del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri

MESSINA 23 Dicembre 2009 – Il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Leonardo Gallitelli, nel pomeriggio di ieri ha visitato, per la seconda volta dal suo insediamento, il Comando Interregionale “Culqualber” dove era ad attenderlo il Generale di Brigata Ermanno Meluccio, Comandante Interregionale “Culquaber” in sede vacante, oltre ai Comandanti delle Legioni Carabinieri “Sicilia” e “Calabria”. Ricevuti gli onori dalla guardia schierata in grande uniforme, il Generale Gallitelli ha incontrato una rappresentanza di ufficiali, luogotenenti, marescialli, brigadieri, appuntati e carabinieri che costituiscono le preziose risorse umane delle organizzazioni “territoriale”, “speciale”, “mobile” ed “addestrativa” dell’Arma che, giornalmente, operano nell’ambito del Comando Interregionale “Culqualber”. Erano anche inquadrati rappresentanti dell’Arma in congedo e componenti della Rappresentanza Militare. Nel corso dell’incontro, volto ad uno scambio di auguri in concomitanza delle prossime Festività, il Gen. Gallitelli ha espresso il suo plauso per i lusinghieri risultati conseguiti dai presidi dell’Arma operanti in Sicilia e Calabria, in particolare nel settore del contrasto al cancro rappresentato dai sodalizi mafiosi e della n’drangheta. Il Comandante Generale ha altresì sottolineato l’insopprimibile funzione esercitata dalle 4.669 Stazioni dei Carabinieri presenti sul territorio nazionale, punti di riferimento per tutti i cittadini, anche nelle zone più impervie e lontane. Nel richiamare i valori di fedeltà, spirito di sacrificio, senso dello Stato ai quali l’Istituzione ha improntato la sua ormai bisecolare storia, il Generale Gallitelli ha anche rivolto un saluto ai rappresentanti dell’Arma in congedo “custodi e garanti di una grande eredità di valori e tradizioni.

Posted by on 23 dicembre 2009. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento