Varese: i Carabinieri impegnati a supporto della popolazione

VARESE 23 Dicembre 2009 – Fin dalla scorsa nottata i militari del Comando Provinciale di Varese hanno intensificato la proiezione esterna affinché potesse essere costantemente monitorata l’intera rete stradale ed evitare così il verificarsi di incidenti. Le trentasette Stazioni del Comando Provinciale dei Carabinieri hanno lavorato incessantemente per prevenire qualsivoglia criticità e garantire ai varesini di raggiungere le proprie abitazioni o il posto di lavoro evitando i tratti ormai intasati dal traffico. Oltre 150 le segnalazioni di situazioni di disagio manifestate dai cittadini all’ utenza “112”, a partire dalla serata di ieri.
Un lavoro coordinato dalla Prefettura ed effettuato di concerto con la Protezione Civile ed in stretta collaborazione con le Polizie locali, con un impegno massiccio di militari che hanno garantito che gli incidenti restassero un numero esiguo rispetto ai numerosi disagi che hanno interessato soprattutto le località in quota maggiormente isolate come Maccagno e Dumenza. Particolare attenzione viene riposta sulla situazione riguardante l’Aeroporto di Malpensa, ove allo scopo di limitare i disagi per i passeggeri impossibilitati a partire (si segnala la partenza di una media di 6 voli per ora) sono impiegati, oltre ai Carabinieri della locale Stazione, anche quelli della Stazione di Somma Lombardo e n. 10 Carabinieri del 1° Battaglione “Piemonte” provenienti da Torino.
I controlli alla circolazione stradale (durante i quali si ribadisce l’importanza di una guida prudente e l’utilizzo delle catene), con l’impiego anche di Carabinieri della Compagnia di Intervento Operativo di Milano, continuano ancora adesso, nonostante qualche ora di pioggia abbia permesso un lieve miglioramento della situazione, e proseguiranno fino alla completa normalizzazione della situazione.

Posted by on 23 dicembre 2009. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento