Roma: Forze Armate eccellenza di cui l’Italia è fiera, La Russa nel messaggio di fine anno

ROMA 30 Dicembre 2009 – «Il mio primo pensiero a tutti quei ragazzi che nel corso di questi dodici mesi ci hanno lasciato, sacrificando la loro vita nel nobile compito che svolgevano con grande impegno e con professionalità per concorrere al consolidamento della pace e all’affermazione dei diritti umani, in difesa della giustizia. Un pensiero doveroso alle loro famiglie alle quali va la nostra più sentita solidarietà e vicinanza, così come ai militari rimasti feriti che spero possano trascorrere queste festività totalmente ristabiliti».
Lo ha detto il Ministro della Difesa Ignazio La Russa nel consueto messaggio di fine anno alle Forze Armate nel quale ha definito “straordinario” il contributo offerto sia in Patria sia in ambito internazionale dai militari italiani. «Dico questo pensando alle tante operazioni di cui i nostri militari sono stati e sono protagonisti per garantire maggiore sicurezza nelle nostre città, ma anche alle missioni, solo per citarne alcune, in Afghanistan e in Libano», ha detto il ministro.
«In questi mesi ho visitato gli uomini e le donne impegnati sul campo e da loro ho avuto la conferma di ciò che è unanimemente riconosciuto: le Forze Armate e la Difesa rappresentano una eccellenza di cui l’Italia è fiera, baluardo a difesa delle Istituzioni e della democrazia».
«Il mio invito è quello di proseguire, nel segno della continuità, sul percorso già tracciato – ha continuato la Russa – andare avanti per dare al nostro Paese quel sostegno fondamentale che solo voi potete dare. E andare avanti per evitare che situazioni di crisi e di instabilità degenerino, contrastando le minacce eversive internazionali, dal terrorismo alla criminalità organizzata».
«Il mio auspicio è che il nuovo anno ci regali momenti di serenità. Giunga quindi a tutti voi ed alle vostre famiglie il più caloroso augurio di buon lavoro. Un pensiero particolarmente affettuoso ai militari e ai civili, impegnati in Patria e all’estero, che trascorreranno le festività lontano dagli affetti familiari. L’Italia vi è grata e riconoscente anche per questo».

Posted by on 31 dicembre 2009. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento