Vibo Valentia: arrestato per discariche abusive

VIBO VALENTIA 3 Gennaio 2010 – Ormai il suo è un nome noto alle cronache della zona, Salvatore Milano, pensionato di 68 anni. I Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia, al comando del Cap. Stefano Di Paolo, lo hanno più volte arrestato negli ultimi mesi per la realizzazione di numerose discariche abusive di rifiuti pericolosi ed inquinanti, ultima quella nascosta all’interno di una palazzina di due piani alle porte dell’abitato di Cessaniti.
Insomma un abitué nelle caserme dell’Arma, abitudine che lo aveva portato anche ad essere sottoposto, ormai da qualche tempo, all’obbligo di dimora all’interno del comune del capoluogo.
Evidentemente Milano ha ritenuto la misura troppo afflittiva ed ha deciso di violarla sistematicamente, allontanandosi a bordo del proprio furgone più volte, diretto ai comuni del circondario in barba a quanto deciso dal giudice.
Una serie di violazioni che non sono sfuggite ai Carabinieri del N.O.R.M. che lo hanno segnalato al Tribunale di Vibo Valentia affinché provvedesse a sostituire la misura impostagli con qualcosa di più vincolante.
E così è stato. I Carabinieri il 1° gennaio hanno quindi aspettato che il Milano si presentasse per firmare come di consueto presso la caserma dell’Arma di Vibo Valentia e gli hanno notificato il provvedimento che lo sottoponeva al regime degli arresti domiciliari.
Quindi, dopo gli atti di rito, l’uomo è stato accompagnato presso la propria abitazione da cui ora dovrà aspettare le decisioni dell’autorità giudiziaria.
Grazie all’attenta azione di controllo del territorio gli uomini dell’Arma sono riusciti a verificare le violazioni dell’uomo, segno evidente di come sia alta l’attenzione dei militari della Benemerita e di come i soggetti sottoposti a misure cautelari siano costantemente monitorati dagli uomini della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia.

Posted by on 3 gennaio 2010. Filed under News Locali. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento