Iraq: Carabinieri in prima linea senza barriere nè etnie

NATO Training Mission-Iraq BAGHDAD 05 Gennaio 2010 – NATO Training Mission, ovvero in sigla NTM-I. E’ la missione internazionale dove i Carabinieri italiani dedicano gran parte delle energie dei loro uomini migliori all’addestramento della Polizia Federale irachena, nella loro sede presso Camp Dublin.

Sono poco meno di un centinaio i militari che dal 2007 sono impegnati, su espressa richiesta del governo iracheno, in uno dei piu’ importanti progetti della missione della NATO in Iraq: fornire addestramento avanzato alla IFP e formare gli istruttori iracheni per il raggiungimento di una piena indipendenza e autonomia operativa.

La Nato Training Mission Iraq (NTM-I) si è insediata sul suolo iracheno il 14 agosto 2004 in seguito alla richiesta del Governo iracheno ad interim di provvedere ad uno specifico addestramento, all’assistenza negli equipaggiamenti e all’assistenza tecnica alle forze di sicurezza (ISF – Iraqi Security Forces) per aiutare l’Iraq a sviluppare un settore della sicurezza efficace, duraturo ed a guida democratica. Il lavoro del personale NATO è focalizzato nell’addestramento, nel consiglio e nel “mentoraggio” del personale di staff; inoltre è volto allo sviluppo di una robusta e duratura leadership sia a livello strategico che operativo. La NTM-I, inoltre, organizza l’addestramento di personale locale presso le strutture della NATO e coordina le donazioni di equipaggiamenti.
La NTM-I è supportata e finanziata da tutte le 28 nazioni componenti la NATO. Attualmente 13 Paesi hanno personale di staff in teatro: Bulgaria, Danimarca, Estonia, Gran Bretagna, Italia, Lituania, Olanda, Polonia, Romania, Stati Uniti, Turchia, Ucraina (Partnership for Peace) e Ungheria.
II Quartier Generale della missione è situato nella International Zone (IZ) a Baghdad, presso la Union III Forward Base. Lo staff del Quartier Generale si sposta verso le differenti sedi delle ISF all’interno della IZ per svolgere i compiti di addestramento, consiglio e “mentoraggio”. Le altre sedi dove operano i mentori sono: la NTM-I Forward Base stabilita ad Ar Rustamiyah (località situata nell’immediata periferia di Baghdad a circa 20 Km a Sud Est della città) per le attività di assistenza e di supporto al funzionamento del Joint Staff and Command College (JSCC), dell’Accademia Militare e del battaglione di dfesa della Base; presso il Ministro dell’Interno, dove la NTM-I aiuta a costruire il National Command Center e a Camp Dublin, dove i carabinieri italiani addestrano la polizia federale irachena.

«Questo “esperimento” sinora ha dato risultati assolutamente positivi – ha dichiarato il Colonnello dei Carabinieri Luciano Zubani, comandante della Gendarmerie Training Division – ed e’ in linea con lo spirito della missione che vede con favore il superamento di qualsivoglia barriera e ostacolo all’integrita’ nazionale».
La novità interessante di questo addestramento è difatti quella che vede fianco a fianco iracheni di etnia curda, per la prima volta, con gli altri colleghi iracheni: in due anni di laboriosa presenza, i Carabinieri hanno addestrato 14 battaglioni di Polizia per un totale di oltre 7000 uomini.

La NTM-I, cui l’Italia contribuisce con la componente piu’ numerosa, sta addestrando e fornendo mentoring e advising agli Ufficiali delle Forze di Sicurezza irachene sin dal 2004, per mettere il governo dell’Iraq nelle condizioni di riprendere il suo importante posto nell’ambito della comunita’ internazionale e per migliorare le condizioni di sicurezza del popolo iracheno grazie a forze di sicurezza democratiche.
La NTM-I svolge quindi funzioni di mentoring e supporta L’Iraqi Defense University, l’Iraqi National defense College e l’Istituto di Studi Strategici della Difesa. Altri progetti di cooperazione per la NATO in Iraq sono inoltre costituiti dall’addestramento all’estero presso scuole NATO per personale militare iracheno e dall’addestramento impartito dai Carabinieri alla Polizia irachena, nonche’ l’addestramento svolto a favore dell’Accademia Militare irachena di Ar-Rustamiyah e del Joint Staff College e Command College.
Ufficiali dell’NTM–I garantiscono inoltre mentoring e consulenza al National Operations Centre del Primo Ministro, al National Command Centre del Ministero iracheno degli Interni e al Joint Operations Centre del Ministero della Difesa.

Posted by on 5 gennaio 2010. Filed under Copertina, Esteri, Magazine. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento