Roma: stalker marocchino arrestato dai Carabinieri

ROMA 11 Gennaio 2010 – I militari del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un cittadino marocchino di 57 anni con l’accusa di atti persecutori. Lo stalker, da mesi, importunava una 28enne, titolare di un esercizio commerciale ubicato in zona Alessandrino: oltre alle  fastidiose irruzioni sul posto di lavoro, la donna si è resa conto che spesso lo straniero la seguiva lungo il tragitto che percorreva dal negozio alla sua abitazione. Una situazione insopportabile che ha portato la vittima, qualche giorno fa, a sporgere una denuncia nei confronti del molestatore. Nel frattempo il marocchino aveva continuato nei suoi comportamenti vessatori, arrivando ad affiggere sulla serranda del negozio della sua “amata” biglietti manoscritti. Ieri è andato in scena l’ultimo atto della vicenda: la 28enne si è resa conto di avere nuovamente alle calcagna il marocchino ed una volta a casa lo ha raccontato al padre. L’uomo, sopraffatto dalla disperazione e dalla rabbia, nel pomeriggio si è presentato nei pressi dell’abitazione del nordafricano deciso a volerlo affrontare ed ha iniziato a bussare violentemente alla sua porta. Qualche residente della zona, sentito il fracasso, ha avvisato il 112 e i Carabinieri sono intervenuti prima che il genitore potesse commettere qualche gesto inconsulto. Una volta chiarita la situazione, i militari sono entrati nell’abitazione del marocchino rinvenendo altri fogli con dediche scritte per la ragazza pronti per essere affissi, audiocassette dove lo stalker aveva registrato la voce della ragazza, carpita grazie ad un piccolo registratore portatile che era solito attivare di nascosto negli incontri con la 28enne, e alcuni effetti personali della vittima, custoditi a mo’ di feticcio, che erano stati trafugati durante le “visite” nel negozio.
L’uomo è stato arrestato e trattenuto in caserma in attesa di essere sottoposto al rito direttissimo.

Posted by on 11 gennaio 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento