Catania: blitz anticontraffazione della Guardia di Finanza etnea

CATANIA 18 Gennaio 2010 – Tempo di saldi, s’intensifica la lotta alla contraffazione dei prodotti del made in Italy.
Le indagini effettuate dalla Guardia di Finanza, mediante appostamenti e monitoraggio costante delle zone di Catania maggiormente interessate da questo fenomeno criminoso, ha portato al sequestro di circa 4.000 pezzi fra giubbotti (2.300), cinture (1.150) e jeans (450) riproducenti il marchio contraffatto di prestigiose marche italiane ed estere (ARMANI-GUCCI-BOSS-D&G).
La roba clonata è stata rinvenuta presso una casa di spedizione gestita da un cittadino di nazionalità cinese, ubicata nella zona industriale del capoluogo etneo. La merce era contenuta all’interno di enormi scatoloni ed era destinata a commercianti all’ingrosso, di nazionalità cinese, con sede in pieno centro storico.
La pattuglia di finanzieri del 1° Nucleo Operativo del Gruppo di Catania, dopo aver individuato il proprietario destinatario, un cittadino cinese, procedeva alla verbalizzazione di rito, contestando la violazione della normativa sulla contraffazione dei marchi, la merce posta sotto sequestro in attesa di distruzione.
L’azione di contrasto svolta dalla Guardia di Finanza contro tali illecite attività, che recano un ingente danno all’erario oltre che all’economia nazionale ed europea, continua sempre intensa al fine di tutelare anche la libera concorrenza nello specifico comparto economico.

Posted by on 19 gennaio 2010. Filed under News Locali. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento