Afghanistan: due nuove scuole per Herat

Afghanistan: due nuove scuole per Herat HERAT 21 Gennaio 2010 – Nei giorni scorsi, nell’ambito del progetto di sviluppo del settore scolastico portato avanti in collaborazione con il Dipartimento dell’educazione, il Provincial Reconstruction Team italiano ha inaugurato due nuove scuole nella provincia di Herat.
Una prima scuola da otto classi è stata realizzata nel villaggio di Zakhani, distretto di Gulran, nell’estremo nord-ovest della provincia di Herat al confine con Iran e Turkmenistan mentre, una seconda scuola, sempre da otto classi, è stata costruita nel villaggio Shah Abad nel distretto di Pasthun Zarghun, ad est di Herat. Entrambe le scuole sono state dotate di tutti i servizi e di un campo sportivo polivalente.
Come sottolineato da Mr. Tanha, capo Dipartimento dell’Educazione, ben 44 sono le scuole costruite nella provincia di Herat grazie al contributo del Regional Command West su base Brigata “Sassari”, a testimonianza dell’impegno congiunto in favore di un settore, come quello scolastico, di fondamentale importanza per il futuro ed il progresso del paese.
Il colonnello Claudio Dei ha ringraziato tutto il personale intervenuto alle cerimonie, tra i quali, oltre a numerose autorità ed Elders locali, anche numerosi giovani del villaggio ai quali il Comandante del PRT si è rivolto per sottolineare l’importanza dello studio nella loro formazione civica ed umana.
Nel distretto di Pasthun Zarghun è stato inoltre inaugurato un muro di recinzione costruito ad argine di un torrente e, contestualmente, sono stati donate diverse tipologie di utensili per la realizzazione di canali di scolo in caso di probabili inondazioni durante la stagione invernale.
Il colonnello DEI ha infine donato al direttore dell’ospedale di Pasthun Zarghun alcuni riscaldatori e numerosi confezioni di medicinali di vario genere.
« Ogni sforzo da parte di ISAF – ha sottolineato il Comandante del Regional Command West, generale di brigata Alessandro Veltri – sarà sempre volto a garantire la sicurezza nei confronti della popolazione, dare impulso all’opera di ricostruzione e sviluppo della regione anche attraverso il costante e mirato soddisfacimento di tutte le esigenze siano esse di carattere assistenziale a favore delle persone maggiormente bisognose, siano esse rivolte a migliorare la governance ».

Posted by on 22 gennaio 2010. Filed under Copertina, Esteri, Magazine. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento