Patti: sei persone denunciate

PATTI (ME) 24 Gennaio 2010 – I Carabinieri della Compagnia nei giorni scorsi hanno proceduto alla denuncia all’Autorità giudiziaria di 7 persone responsabili di vari illeciti penali.
Tre pastori di un 35enne, un 25enne e un 22enne, sono stati denunciati a Sinagra per porto di coltello di genere vietato e per ricettazione, poiché viaggiavano su un pick up il cui telaio è risultato punzonato.
Un ucraino 30enne, è stato sorpreso invece a San Giorgio di Gioiosa Marea senza regolare permesso di soggiorno; oltre alla denuncia a p.l. per lui anche il decreto di espulsione con ordine di lasciare il territorio dello stato entro 5 giorni. Un pensionato di 72 anni, che gli aveva concesso in affitto una sua abitazione è finito nei guai con la giustizia e ora dovrà rispondere del reato appositamente previsto dal Dec. Leg. 296/1998 che disciplina la normativa sugli stranieri ed i casi di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
Un commerciante 26enne di Piraino, è stato deferito alle competenti autorità poiché trovato in possesso di 5 grammi tra hashish e marijuana ed anche alcuni semini di canapa indiana.
Infine, i militari della Stazione di Gioiosa Marea hanno segnalato alla Prefettura due studenti trovati in possesso di una dose di Marijuana.
Sono state effettuate ben 11 perquisizioni domiciliari e posti di controllo su tutte le arterie stradali principali in entrambi i sensi di marcia, a Patti, Piraino, Gioiosa Marea e Sinagra.
In totale 32 le contravvenzioni al codice della strada elevate per un totale di 4.500 Euro di multa e 66 punti sottratti su patenti di guida. Controllate 105 autovetture e 145 persone di cui 37 pregiudicate.
I Carabinieri invitano tutti i cittadini a segnalare tempestivamente qualsiasi presenza sospetta sul territorio in modo da consentire un intervento utile ed efficace delle pattuglie presenti in zona.

Posted by on 25 gennaio 2010. Filed under News Locali. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento