Herat: a Camp Arena si è celebrata la festa della Brigata Sassari

di Antonella Serafini


Brigata Sassari HERAT 28 Gennaio 2010 – Questa mattina, presso Camp “Arena”, la base che ospita il Regional Command West – il comando NATO a guida italiana, multinazionale e interforze su base Brigata “Sassari” che dal 21 ottobre scorso ha assunto la responsabilità della regione occidentale dell’Afghanistan – è stata celebrata la Festa di Corpo dei Reggimenti storici della Brigata “Sassari” (151° e 152°).
Ricorre oggi, infatti, il 92° anniversario della Battaglia dei “Tre Monti”, importante vittoria delle armi italiane che segnò la ripresa operativa e morale dell’Esercito Italiano dopo le infauste giornate di Caporetto.
La storica ricorrenza è stata rievocata dal Comandante del Regional Command West (nonché Comandante della “Sassari”) – Generale di Brigata Alessandro Veltri – il quale, nel corso del suo intervento, ha rivolto un deferente pensiero a tutti i Caduti, alle loro famiglie e a quanti – con straordinario valore, altruismo e spirito di sacrificio – hanno combattuto nel corso dei due conflitti mondiali ed operato nelle missioni per il mantenimento della pace all’estero.
Durante la breve ma significativa cerimonia, alla quale hanno partecipato le rappresentanze di tutte le unità del contingente italiano e dei Paesi alleati presenti in Teatro, è stato ricordato – attraverso la lettura del bollettino di guerra dell’epoca – il sacrificio dei “Diavoli Rossi”.
Il loro eroismo, indelebilmente scolpito nella memoria di tutti i Sardi, è testimoniato dalle numerose decorazioni individuali: 6 Ordini Militari d’Italia, 9 Medaglie d’Oro, 405 d’Argento, 551 di Bronzo al Valor Militare.
Estremamente significative anche le decorazioni concesse a ciascuna Bandiera di Guerra dei due reggimenti: un Ordine militare d’Italia, due Medaglie d’Oro al Valor Militare, una Medaglia d’Oro al Valor dell’Esercito, quattro citazioni sul bollettino del Comando Supremo.
Sono passati ventun anni dalla sua ricostituzione ed oggi la Brigata “Sassari” è una delle Grandi Unità di spicco dell’Esercito Italiano.
“E’ guardando attentamente al nostro glorioso passato – ha detto il Generale VELTRI nel corso del suo intervento – che possiamo trovare importanti e costruttivi punti di riferimento da cui trarre insegnamento e stimolo per dare sempre il meglio. In Afghanistan oggi, in qualsiasi altro contesto domani”.
Da oltre dodici anni, infatti, i “Dimonios” operano con professionalità nei più diversificati scenari, a tutela della sicurezza e della pace.
Dall’Albania alla Bosnia, dal Kosovo alla Macedonia, fino alle recenti missioni in Iraq e in Afghanistan, i fanti della “Sassari” si sono sempre distinti per generosità, serietà e indiscusse capacità professionali.
Ovunque, i “Sassarini” di oggi continuano a mantenere alto il nome dell’Italia e della Sardegna, come 92 anni or sono i loro nonni fecero nelle contese trincee di Col del Rosso e di Col d’Èchele, al cui ricordo l’odierna giornata celebrativa si è ispirata.
La cerimonia si è conclusa sulle note di “Dimonios” e con un corale e sentito “Forza Paris”, l’antico grido di guerra della Brigata che, 92 anni orsono, riecheggiò sulle montagne dell’Altopiano, da allora sacre alla memoria del popolo sardo il quale, consapevolmente, continua ad alimentarne il ricordo.

Posted by on 29 gennaio 2010. Filed under Esteri, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento