Roma: deltaplano e parapendio, appuntamenti 2010

Deltaplano e parapendio ROMA 04 Febbraio 2010 – Per il volo libero in deltaplano e parapendio si annunciano tempi di
assoluto impegno dal punto di vista organizzativo e come mantenimento del
primato mondiale conquistato dai piloti azzurri.

L’Italia sta al vertice internazionale per i tanti titoli vinti, primi fra
tutti i quattro mondiali di deltaplano, ala flessibile ed ala rigida, a
squadre ed individuale, grazie al trentino Alex Ploner questi ultimi. La
scorsa estate il romano Andrea Iemma ai WAG 2009, cioè i giochi mondiali
dell’aria, ha conquistato la medaglia d’oro in acrobazia.

Nel parapendio l’Italia ha vinto la superfinale di Coppa del Mondo a Poggio
Bustone (Rieti), è vice campione del mondo e terza agli europei. Grazie a
questi titoli ed ai piazzamenti internazionali dei nostri piloti, siamo
volati in testa alla classifica per nazioni.

NIS podio nazionale I prossimi appuntamenti ci vedranno competere in aria e protagonisti a terra
come organizzatori: dal 30 luglio al 8 agosto 2010 nel sito del Monte Cucco
(Sigillo, Perugia) l’Italia organizzerà i pre-mondiali di deltaplano, evento
staffetta dei campionati del mondo che ospiteremo nella stessa località e
periodo l’anno successivo.

I piloti di parapendio saranno impegnati tra maggio e giugno nei campionati
europei ad Abtenau (Austria), nei pre-mondiali di metà luglio a Piedrahita
(Spagna) e nella superfinale di Coppa del Mondo 2010 a Denizli in Turchia a
settembre, ultima tappa dopo le gare in Brasile, Giappone, Cina, Grecia,
Italia (San Potito Sannitico, Caserta), Stati Uniti e Portogallo.

Nel frattempo presso l’aeroporto di Roma Urbe si è svolta, dal 21 al 24 Gennaio, Gate XXI, prima
esposizione internazionale dedicata al mondo dell’aeronautica, che ha
raccolto la partecipazione di una settantina di espositori e l’interesse di
vasto pubblico.

Posted by on 4 febbraio 2010. Filed under Magazine, Primo Piano, Sport/Turismo. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento