Roma: falsi venditori porta a porta si improvvisano rapinatori, arrestati

ROMA 06 Febbraio 2010 – Hanno suonato al campanello di casa di un potenziale cliente qualificandosi come dipendenti di una nuova società specializzata nella fornitura di energia elettrica che effettua la vendita “porta a porta” proponendo la stipula di un contratto a prezzi vantaggiosi.
Una volta convinto il proprietario a farli entrare nell’appartamento del quartiere Ponte Mammolo grazie ad allettanti offerte di sconti di prezzo e di forti risparmi, i due giovani romani M.M. di 24 anni e M.A. di 18, hanno simulato la necessità di dover contattare telefonicamente l’azienda che rappresentavano mediante una telefonata al call-center, intrattenendo così al ricevitore l’ignaro cittadino e distraendolo mentre loro con una mossa repentina si impossessavano del portafoglio dell’uomo custodito nella tasca di una giacca.
Subito dopo sono scappati dall’appartamento, certi di non essere stati notati, ma il derubato, accortosi del maltolto, ha cominciato ad inseguire in strada i due giovani furfanti, ma questi improvvisamente aggredivano l’uomo con calci e pugni.
Solo l’arrivo della Polizia di Stato, chiamata sul posto dalla fidanzata della vittima, riusciva a mettere fine al pestaggio. L’aggredito è stato medicato con 7 giorni di prognosi e gli agenti delle Volanti e del Commissariato San Basilio hanno arrestato in flagranza di reato i due giovani per rapina impropria.

Posted by on 11 febbraio 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento