Roma: torna in carcere il mago della truffa

ROMA 09 Febbraio 2010 – Pensava di poter trascorrere gli anni della pensione tranquillamente in casa, ai domiciliari perchè al momento dell’arresto, nell’anno 2007, B.G. ora 73enne, era sofferente di varie patologie e pertanto era stato ritenuto non idoneo al regime carcerario.

B.G. tuttavia negli ultimi giorni è stato sottoposto ad una visita medica per accertare le sue condizioni di salute ed, a 73 anni, guarito da qualsiasi malanno, è stato nuovamente ritenuto idoneo per sostenere la vita all’interno di un carcere.

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Prenestino pertanto, in attuazione dell’ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Roma, ieri pomeriggio sono andati nell’abitazione di B.G. sita nel quartiere Alessandrino e lo hanno accompagnato presso il carcere di Rebibbia dove dovrà scontare una condanna residua pari a 4 anni ed 8 mesi.

L’anziano pregiudicato era divenuto famoso in passato per truffe clamorose. Nel lontano 1993 ha emesso assegni a vuoto per importi milionari in pagamento di un pranzo per una cerimonia familiare ad un noto ristorante sull’Appia; successivamente ha promesso in vendita una Ferrari, ma al momento del passaggio di proprietà davanti al Notaio, ha dichiarato invece la targa di una Croma.

Posted by on 11 febbraio 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento