Roma: pizza e cocaina, pizzettaro vende droga per “arrotondare” i guadagni

ROMA 20 Febbraio 2010 – Incrementavano i guadagni vendendo cocaina. Agenti della Polizia di Stato del Commissariato San Basilio hanno scoperto che i nuovi gestori di una pizzeria della zona erano soliti incrementare i guadagni vendendo cocaina. Effettuati una serie di appostamenti i poliziotti hanno riscontrato un via vai di presunti avventori che entravano nel locale uscendone poco dopo senza aver acquistato o consumato nulla.

Dai successivi accertamenti è emerso che uno dei gestori, V.C. di 39 anni, con precedenti specifici, stava attraversando un periodo di crisi economica e la vendita del “nuovo ingrediente” rappresentava una rapida soluzione ai problemi di denaro e la pizzeria rappresentava una facile copertura per non destare sospetti.

Nella serata di ieri dopo aver osservato l’ennesimo andirivieni di avventori gli Agenti, certi di trovare la sostanza stupefacente sono entrati nella pizzeria ed hanno proceduto ad una perquisizione. V.C. è stato trovato in possesso di alcune dosi di cocaina pronte alla vendita, mentre nascosti in una confezione di bicchieri sono stati rinvenuti un bilancino elettronico ancora sporco di droga, altre dosi di cocaina già confezionate e, all’interno di una credenza, un altro bilancino elettronico. Vicino alla televisione, è stata trovata una confezione di bicarbonato di sodio utilizzato per “tagliare” lo stupefacente da confezionare. Rinvenuto e sequestrato anche denaro contante non riconducibile all’incasso della pizzeria e ritenuto provento dell’illecita attività.

Nelle successive perquisizioni domiciliari la Polizia ha sequestrato alcune armi comuni da sparo poiché sebbene denunciate legalmente venivano trasportate e detenute in un’abitazione diversa da quella dove erano state originariamente denunciate.

Condotto negli Uffici del Commissariato San Basilio, al termine degli accertamenti V.C. è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Posted by on 21 febbraio 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento