Roma: rapina donna sul bus, uomo in manette a Cave

CAVE (RM) 23 Febbraio 2010 – I Carabinieri della Stazione di Cave hanno arrestato un cittadino romeno, P.C. 37enne, abitante nella provincia di Frosinone, con l’accusa di rapina. I fatti si sono svolti nel tardo pomeriggio di ieri a Cave a bordo di un autobus di linea della C.OTRA.L. diretto a Roma. L’uomo, in evidente stato di ubriachezza, ha avvicinato una connazionale 51enne che stava raggiungendo la capitale dove è impiegata come badante, e dopo averla strattonata, nonostante la reazione, le ha sottratto la borsa contenente effetti personali e documenti oltre a pochi spiccioli. Nel frattempo l’autobus, in quel momento semi vuoto, ha effettuato una fermata in località San Giuseppe alla periferia di Cave. Il malfattore ha approfittato per scendere di corsa dal mezzo, seguito a poca distanza dalla donna che, disperata, ha tentato inutilmente di riprendersi quanto le era stato sottratto, ma ha dovuto subire la violenta reazione del dell’uomo che prima di dileguarsi, l’ha colpita al volto trascinandola in terra. Grazie alla chiamata al 112 da parte dell’autista dell’autobus che segnalava l’accaduto, fornendo una descrizione del rapinatore, le immediate ricerche diramate dalla Centrale Operativa della Compagnia di Palestrina, hanno permesso ad una pattuglia della Stazione di Cave, impegnata proprio in un servizio di controllo preventivo nei pressi delle fermate degli bus, di rintracciare il romeno non lontano dal paese. Alla vista dei Carabinieri, il malvivente ha cercato in tutti i modi di sottrarsi alla cattura ma è stato bloccato e arrestato: con se aveva ancora la borsa rapinata poco prima. La donna è stata accompagnata all’ospedale di Palestrina dove, visitata dai sanitari, è stata giudicata guaribile in una settimana. L’arrestato, associato al carcere di Roma Rebibbia, si trova a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Posted by on 23 febbraio 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento