Afghanistan: attentato a Kabul, un italiano tra le vittime

KABUL 26 Febbraio 2010 – C’è anche italiano fra le 18 vittime dell’esplosione che ha colpito un albergo nel centro della capitale afghana Un kamikaze si è fatto esplodere vicino all’hotel Safi Landmark di Kabul.Tra le vittime anche un francese, 4 indiani e 3 poliziotti afghani; 32 i feriti. L’attentato è stato rivendicato dai talebani, che hanno detto di aver voluto colpire punti dove alloggiano gli stranieri. Gli estremisti dicono che a colpire sono stati 5 kamikaze. Secondo la polizia, uno degli attentatori si è fatto esplodere, mentre altri due sono stati uccisi.
La Farnesina afferma che il connazionale rimasto vittima nell’attacco terroristico a Kabul “è Pietro Antonio Colazzo, consigliere diplomatico della nostra ambasciata nella capitale afghana”. Il ministro degli Esteri Frattini ha spiegato a Sky Tg24 che la vittima italiaana era “un consigliere diplomatico della Presidenza del Consiglio che lavorava presso l’ambasciata italiana”. “L’Italia e gli altri alleati rimarranno impegnati in Afghanistan per la stabilizzazione del Paese”, ha aggiunto.
In un primo momento erano trapelate voci secondo cui l’italiano era un funzionario dell’intelligence. Altri 4 italiani, dice il capo della polizia di Kabul, sono stati tratti in salvo grazie alle indicazioni di Colazzo. L’Italia rimarrà in Afghanistan, conferma Frattini. Il presidente del Senato Schifani e il Pd chiedono al governo di riferire in Parlamento.
”Esprimo profondo cordoglio ai familiari di Pietro Antonio Colazzo, uomo che, con coraggio e dedizione, operava in una terra pericolosa per migliorare le condizioni di vita del popolo afgano”, ha dichiarato il ministro della difesa, on. Ignazio La Russa.

Posted by on 26 febbraio 2010. Filed under Esteri, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento