Catania: scoperta truffa nel settore raccolta agrumi, denunciato un uomo

CATANIA 25 Febbraio 2010 – I militari del Nucleo di polizia tributaria di Catania, al termine di una complessa attività di indagine di polizia giudiziaria esperita nei confronti di un’impresa operante nel settore della raccolta degli agrumi con sede a Motta Sant’Anastasia, hanno portato alla luce una frode finalizzata alla sottrazione al pagamento dell’accisa (imposta indiretta su alcune produzioni) sui prodotti petroliferi di oltre 33 mila euro.
Il sistema truffaldino ideato dal soggetto etneo si è basato su una serie di documenti fiscali e amministrativi falsi, appositamente predisposti al solo scopo di ottenere il carburante ad aliquota agevolata – riservato per disposizioni di legge al settore agricolo – senza averne il diritto.
Le fiamme gialle hanno infatti scoperto che l’imprenditore denunciato per ottenere il suo scopo aveva presentato all’esercizio commerciale – fornitore del carburante agricolo – una copia falsificata di un’autorizzazione al prelievo per litri 30.000, apparentemente rilasciata dall’Ispettorato Provinciale dell’Agricoltura di Catania. Non pago della commissione di questo primo reato, poi, il soggetto ha anche presentato al medesimo Ispettorato copia di una fattura, anch’essa falsa, relativa ad un acquisto mai avvenuto di un grosso mezzo agricolo – modello Carterpillar D9 –, in modo da poter giustificare la richiesta di emissione di un atto dispositivo che consentisse l’acquisto di circa 50.000 litri all’anno di prodotto petrolifero agevolato.
L’intervento dei militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Catania ha permesso la segnalazione al compenti Uffici Finanziari delle somme sottratte a tassazione ammontanti ad oltre 33.000 € e la denuncia all’Autorità Giudiziaria del rappresentante legale per falso e violazione della normativa in materia di accise. Per questi reati, l’imprenditore, denunciato alla Procura della Repubblica di Catania, rischia fino a tre anni di reclusione, oltre ad una multa da 66.000 a 330.000 €.

Posted by on 26 febbraio 2010. Filed under News Locali. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento