Trapani: merce contraffatta, blitz della Guardia di Finanza

di Antonella Serafini

Trapani, blitz Guardia di Finanza, merce contraffatta TRAPANI 26 Febbraio 2010 – Nei giorni scorsi i militari della Compagnia di Marsala, nel quadro dei servizi anticrimine predisposti dal Comandante provinciale della Guardia di finanza di Trapani, Col. Maurizio Pagnozzi,
hanno conseguito un importante risultato in materia di lotta alla contraffazione, scoprendo un vero e proprio negozio all’interno del quale facevano bella mostra ben 715 capi di abbigliamento che riproducevano con assoluta fedeltà i marchi di importanti ‘’griffe’’ internazionali, quali Nike, Hogan, Fay, Prada, Louis Vuitton, Gucci, Armani, Dolce & Gabbana ed altri ancora.
Il risultato di servizio in questione nasce da una prolungata e mirata attività investigativa che portava a ritenere che in Contrada Madonna Alto Oliva a Marsala ci fosse un locale al cui interno venivano custoditi prodotti contraffatti.
Così, dopo aver individuato l’immobile in argomento è scattato il blitz con l’esecuzione di diverse perquisizioni locali, al termine delle quali, con grande stupore dei militari operanti, si scopriva che in realtà non si trattava di un semplice magazzino, ma di un vero e proprio atelier ove i capi erano in bella mostra in visione a potenziali clienti, proprio come i negozi che si vedono nelle vie del centro storico.
Il proprietario dell’immobile, un pensionato di 75 anni, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Marsala e dovrà rispondere di diversi reati quali contraffazione di prodotti industriali, ricettazione, frode contro le industrie nazionali, rischiando, per il reato più grave, fino a otto anni di carcere.
L’attenzione dei Reparti dipendenti dal Comando Provinciale di Trapani è sempre alta sul fenomeno della commercializzazione dei prodotti contraffatti, soprattutto per i suoi effetti distorsivi sull’economia e sul corretto funzionamento dei mercati e delle regole della concorrenza.

Posted by on 26 febbraio 2010. Filed under News Locali. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento