Roma: terrorismo, jihad e Al Qaeda al centro della relazione sulla sicurezza

ROMA 01 Marzo 2010 – Terroristi islamici in Italia, soli o in “micronuclei pronti a entrare in azione in via del tutto autonoma”. E’ quanto risulta dalla Relazione al Parlamento dei servizi per la sicurezza. “Cellule non organiche di Al Qaeda con funzioni di appoggio” sarebbero però “pronte all’attacco”. Bersagli possibili, “personalità istituzionali o personaggi noti ritenuti colpevoli di ‘comportamenti dissacratori’ verso l’Islam”. Sventati attacchi, soprattutto in Afghanistan, dove gli insorti potrebbero usare kamikaze e ordigni improvvisati. “Persistente” la minaccia di matrice Br e anarcoinsurrezionalista.

Posted by on 1 marzo 2010. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento