Afghanistan: Woman Business Center, imprenditoria femminile in primo piano

Afghanistan: Woman Business Center, imprenditoria femminile in primo piano HERAT 08 Marzo 2010 – Ha destato commozione la presenza della piccola Nazifa Noor Ahmed durante la simbolica cerimonia di posa della prima pietra che si è svolta a Herat nella giornata di ieri, in un’area del centro in cui sorgerà il Women Business Center, una struttura nuova nel suo genere del valore di oltre duecentomila euro da realizzarsi con i fondi messi a disposizione dal Ministero della Difesa.
Nazifa Noor Ahmed è una bambina di 8 anni che è rientrata da pochi giorni in Afghanistan dopo 19 mesi trascorsi in Italia presso il reparto di oncologia ed ematologia pediatrica del Policlinico “S. Orsola-Malpighi” di Bologna dove è stata efficacemente curata dal linfoma di Hodgkin, e le sue immagini nel momento della posa della pietra e nel corso dell’intera cerimonia hanno dato un maggiore e significativo senso dell’importanza della missione internazionale a sostegno del popolo afghano: il filo che lega la crescita democratica dei popoli alla emancipazione delle donne è e sarà sempre un percorso irrinunciabile per ogni cultura e società, contro la barbarie del terrorismo e nella direzione del rispetto e della non sottomissione femminile.

Il progetto, portato avanti in collaborazione con le autorità governative locali ed in particolare con il Dipartimento degli Affari Femminili, riguarda la realizzazione di un’area commerciale dedicata all’imprenditoria femminile, all’interno della quale saranno promosse una serie di iniziative finalizzate a promuovere il ruolo della donna come soggetto imprenditoriale nel tessuto socio-economico della provincia di Herat.

Il nuovo Women Business Center, articolato su quattro livelli per una superficie complessiva di circa 510 mq., prevede tra l’altro la realizzazione di trentasei negozi e l’allestimento di una sala convegni mentre, all’ultimo piano, un apposito spazio sarà attrezzato per i momenti ricreativi e la pratica di attività ginnico-sportive.

La Cooperazione Italiana allo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri collaborerà al progetto non solo mediante la fornitura completa degli arredi e delle attrezzature necessarie a rendere immediatamente fruibile la struttura al termine della sua realizzazione ma anche con l’avvio di un progetto di microcredito, uno strumento di sviluppo economico che consentirà l’accesso ai servizi finanziari alle famiglie interessate e, in particolare, alle donne.

Al significativo evento erano presenti il Comandante del Regional Command West, Generale Veltri, il vice governatore della provincia di Herat, Asiludim Jani, il Sindaco della città, Salim Traki, il Capo Dipartimento degli Affari Femminili, Manija SadiqiI, il Colonnello Claudio Dei, Comandante del Provincial Reconstruction Team, il Dottor Marco Urago, funzionario della Cooperazione italiana allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e numerose altre autorità della provincia di Herat.

Posted by on 8 marzo 2010. Filed under Copertina, Esteri. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

One Response to Afghanistan: Woman Business Center, imprenditoria femminile in primo piano

  1. claudia sogno

    é orgoglio e onore

Lascia un commento