Palermo: vittima di usura riprende la sua attività

PALERMO 16 Marzo 2010 – Grazie ad un contributo concesso dal presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, l’artigiano palermitano Bennardo Raimondi, vittima di usura che voleva vendere un rene per curare il figlio disabile, ha potuto riprendere una piccola produzione di ceramiche artistiche con la quale potrà partecipare alle prossime iniziative di beneficenza organizzate per lui da diversi enti e associazioni.
Raimondi aveva denunciato i “cravattari”, ma in quella fase non gli fu riconosciuto lo status di vittima di usura. Dunque, fu costretto a chiudere l’azienda e a vendere la casa. Recentemente Raimondi, assistito dall’avvocato Alfredo Galasso, ha richiesto un supplemento di indagini finalizzato ad ottenere il riconoscimento e l’accesso ai fondi statali previsti per la riapertura dell’attività.
Il caso era stato sollevato lo scorso anno dal settimanale gratuito di prevenzione medica e di solidarietà “nell’attesa…”, e quei servizi hanno provocato la reazione della mafia con minacce di morte nei confronti dell’artigiano e del direttore del settimanale, Michele Guccione.
“Il nobile gesto del governatore Lombardo – ha dichiarato Raimondi – mi ha fatto riacquistare fiducia in me stesso, nelle istituzioni e in quello che ho fatto. Ma ho soprattutto riconquistato la speranza e il diritto di vivere con dignità, senza dovere più elemosinare davanti alle chiese. Non è una cifra che mi risolve tutti i problemi, ma mi consente di acquistare la materia prima, di pagare le bollette, di riaccendere il forno e di produrre piccole quantità di oggetti che esporrò nelle prossime iniziative che in tanti stanno organizzando per aiutarmi. Con il ricavato conto di coprire tutte le spese per curare mio figlio, di pagare i tanti debiti e di riavviare l’attività così com’era un tempo, assicurando le consegne ai miei committenti abituali. Ringrazio Lombardo – ha concluso Raimondi – e tutti coloro che, a partire dall’on. Salvino Caputo per finire ai giornalisti, si sono mobilitati affinché non restassi solo e potessi proseguire la mia testimonianza di resistenza alla mafia e all’usura”.

Posted by on 16 marzo 2010. Filed under News Locali. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento