Roma: operazione Golden Checks, arrestati tre truffatori

di Antonella Serafini

ROMA 16 Aprile 2010 – Utilizzavano assegni scoperti per fare acquisti di ogni genere, dagli articoli tecnologici ai gioielli, per poi rivendere i beni sotto costo.

L’attività di un’organizzazione criminale che operava a Roma e in altre città, è stata interrotta dagli uomini della questura della Capitale che, questa mattina, hanno arrestato 11 persone specializzate nel truffare istituti di credito e riciclare assegni acquisiti illegalmente.

L’operazione, denominata “Golden Checks”, è iniziata un anno fa quando agenti del commissariato Porta Pia di Roma hanno fermato, a Piazza Bologna, un uomo con molti documenti bancari di altre persone e un’agendina piena di nomi e cifre.

I successivi accertamenti, svolti in collaborazione con la Squadra mobile, hanno fatto emergere l’attività della banda.

Cinque degli arrestati, inizialmente residenti a Crotone, dopo aver trasferito la residenza nella Capitale, hanno aperto 70 conti correnti in 25 istituti di credito di Roma, Guidonia, Frascati e Marino.

Con i carnet degli assegni realizzavano la truffa: emettevano i titoli bancari senza copertura ma entro la quota garantita dalla clausola del “massimo scoperto”.

Gli assegni erano ceduti agli altri sei membri della banda che li utilizzavano per fare acquisti di ogni genere per poi rivendere i beni sotto costo.

Le indagini hanno evidenziato 180 assegni protestati per un totale di 1,2 milioni di euro.

Posted by on 17 aprile 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento