Libano: missione Unifil, fornire strumenti ai giovani

Libano: missione Unifil, fornire strumenti ai giovani ALMA ACHAAB 28 Aprile 2010 – Il 22 aprile scorso, presso il liceo pubblico della municipalità di Alma Achaab, nel sud del Libano, alla presenza del comandante di Italbatt 2, su base reggimento Savoia cavalleria, colonnello Andrea Carrino, e del sindaco di Alma Achaab, Jean Ghafari, si è svolta la cerimonia di inaugurazione del nuovo laboratorio di chimica e fisica del liceo di Alma Achaab.

Il progetto, costato circa 16000 euro e completato in soli 15 giorni, è stato interamente realizzato dalle cellule CIMIC (Civil-Military Cooperation) di Italbatt 2 e del comando del settore ovest di UNIFIL, su base brigata aeromobile “Friuli”.

“I ragazzi sono quelli che domani guideranno il Libano – ha sottolineato il colonnello Carrino – è importante poter fornire loro gli strumenti necessari per studiare, comprendere e progredire, per garantire un futuro all’insegna della pace”
Davanti ad una platea composta da tutti gli studenti del liceo e dai loro insegnanti, il sindaco di Alma Achaab e il direttore della scuola, padre Abouna Maroune Ghafari, hanno ringraziato sentitamente il contingente italiano, ed in particolare Italbatt 2, per il lavoro che quotidianamente svolge e per l’impegno e l’attenzione che ha profuso a sostegno delle scuole e degli studenti durante tutto il periodo trascorso nel Sud del Libano, nell’ ambito della operazione di peacekeeping Leonte 7.

Dopo i discorsi è stata scoperta una targa commemorativa dell’impegno del contingente italiano per la municipalità, consegnando ufficialmente agli studenti del liceo di Alma Achaab il laboratorio di chimica e fisica, dove gli allievi del secondo anno del liceo hanno mostrato alcuni esperimenti, impiegando già parte della strumentazione donata, illustrandone il funzionamento e i risultati ottenuti.

Posted by on 28 aprile 2010. Filed under Copertina, Esteri. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento