Roma: controlli all’agroalimentare di Guidonia, area commerciale in costante crescita

ROMA 13 Maggio 2010 – I Carabinieri della Compagnia di Tivoli hanno svolto un servizio coordinato di controllo finalizzato al contrasto dello sfruttamento dell’immigrazione clandestina all’interno del Centro Agroalimentare Roma di Guidonia. Durante l’attività di controllo dei numerosi box commerciali presenti all’interno della struttura, i militari della Tenenza di Guidonia hanno denunciato in stato di libertà 6 titolari di box del settore ortofrutticolo, per aver impiegato lavoratori extracomunitari privi di regolare permesso di soggiorno. Il blitz dei militari di Tivoli all’interno del Centro ha portato altresì al rintraccio di 10 extracomunitari privi di regolare permesso di soggiorno, nei confronti dei quali sono state avviate le procedure per l’espulsione dal territorio nazionale.
La costante attività dell’Arma, presente quotidianamente all’interno del C.A.R., tende a contrastare il fenomeno dell’impiego irregolare di cittadini extracomunitari, per la maggior parte di origine egiziana, in grado di offrire forza lavoro a basso costo a favore di produttori agricoli e acquirenti, trovando spesso la complicità degli operatori del settore.
L’attività di monitoraggio e di contrasto da parte dei Carabinieri ha fatto emergere violazioni della normativa in tema di sfruttamento dell’immigrazione clandestina e della disciplina del lavoro subordinato, con conseguenti ed inevitabili turbative sul piano economico-concorrenziale, che rischiano di pregiudicare il corretto svolgimento delle attività commerciali durante le fasi di contrattazione delle merci.
I risultati operativi ottenuti scaturiscono anche dalla fattiva collaborazione esistente tra l’Arma dei Carabinieri ed i quadri direttivi del Centro Agroalimentare di Roma, finalizzata al monitoraggio di un’area commerciale in costante crescita, che ad oggi risulta sicuramente tra le realtà economiche più importanti del centro Italia.

Posted by on 13 maggio 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento