News del 19 Maggio 2010

BANDA DI RAPINATORI ASSALTA L’UFFICIO POSTALE DI VIA SELVA CANDIDA, IN DUE ARRESTATI POCO DOPO IL COLPO DAI CARABINIERI.

ROMA 19 Maggio 2010 – I Carabinieri della Compagnia Roma Cassia hanno arrestato due pregiudicati italiani di 21 e 26 anni con l’accusa di rapina. Pochi minuti prima i giovani, insieme ad un terzo complice, travisati con caschi e armati di pistola, erano entrati nell’ufficio postale di via Selva Candida e dopo aver minacciato i cassieri si erano fatti consegnare i soldi delle casse, circa 2.200 euro. Dopo essersi impossessati del bottino, i rapinatori sono fuggiti a bordo di due scooter. Le ricerche dei Carabinieri, scattate subito dopo il colpo, hanno permesso in breve tempo di individuare i due arrestati mentre passeggiavano tranquillamente lungo la strada, con i rispettivi caschi sottobraccio. Alla vista delle pattuglie i malviventi hanno tentato di disfarsi dei caschi e dileguarsi a piedi, ma sono stati bloccati dopo pochi metri. I due sospetti sono stati subito perquisiti e trovati in possesso delle chiavi di due scooter che, rinvenuti abbandonati a poca distanza, sono stati riconosciuti come i mezzi utilizzati dai banditi per allontanarsi dall’ufficio postale. I pregiudicati sono stati associati al carcere di Regina Coeli. Sono tuttora in corso le indagini dei Carabinieri per dare un volto anche al terzo complice.

OSTIA. TENTA DI UCCIDERE UN VICINO A MARTELLATE, ARRESTATO DAI CARABINIERI

OSTIA 19 Maggio 2010 – È stata sfiorata la tragedia e l’aggressore è finito in manette con l’accusa di tentato omicidio.
Ieri sera, da poco passate le 22.00, una pattuglia di carabinieri è intervenuta ad Ostia Antica, in via Carlazzo, per una segnalazione anonima giunta al 112 di una lite in strada tra due persone.
Sul posto, i militari hanno notato un folto gruppo di persone intorno ad un uomo, V.C. pregiudicato 52enne della zona, seduto sul ciglio della strada con i vestiti ancora imbrattati di sangue e con in mano un grosso martello.
I militari l’hanno disarmato l’uomo senza che questi opponesse alcuna resistenza. Quindi, poche domande hanno consentito di ricostruire la vicenda ed il raptus di violenza con il quale il pregiudicato si era scagliato contro un vicino di casa, 64enne, per colpirlo a martellate al termine di una lite scaturita da futili questioni di confine.
Quando i militari hanno impugnato il martello e ne hanno valutato il peso (si tratta di una mazzetta di circa 1Kg), è stato chiaro che l’aggressione non poteva avere altro scopo che l’uccisione della vittima, ora ricoverata all’Ospedale G.B.Grassi di Ostia per le lesioni riportate alla testa.
L’arrestato è stato, invece, condotto al carcere romano di Regina Coeli.

SCIPPANO UNA DONNA MA CADONO DALLO SCOOTER, ARRESTATO DAI CARABINIERI UN ROMANO, SALVATO DA LINCIAGGIO DELLA FOLLA, FUGGITO L’ALTRO COMPLICE.

ROMA 19 Maggio 2010 – I Carabinieri della Stazione Roma San Giovanni hanno arrestato ieri sera un pregiudicato romano di 30 anni per rapina ai danni di una romana, 54enne. La donna mentre passeggiava in via Pannonia a pochi metri dal Parco Egerio, è stata raggiunta alle spalle da due giovani che a bordo di uno scooter l’hanno scippata, trascinandola per alcuni metri, ma non riuscendo nell’intento perchè hanno perso il controllo del mezzo e sono caduti a loro volta. Uno è riuscito a risalire sul mezzo ed è fuggito, mentre l’altro ha tentato la fuga a piedi. Grazie alla collaborazione di alcuni passanti, ed al tempestivo intervento dei militari, il 30enne è stato arrestato e portato in caserma, e salvato da un linciaggio da parte della folla che in pochi minuti riunita richiamata dalle sirene. Nel frattempo la malcapitata è stata soccorsa e trasportata in Ospedale dove è stata medicata e dimessa con 10 giorni di prognosi. Il complice nel frattempo è riuscito a far perdere le proprie tracce ma è già stato identificato dai militari che lo stanno braccando, ha le ore contate. Il 30enne verrà processato con il rito direttissimo.

Ad Anzio rapinano e investono donna: un arresto e una denuncia per coppia di malviventi

ROMA 19 Maggio 2010 – Nella giornata di ieri gli Agenti del Commissariato Anzio Nettuno hanno sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria C.F., 42enne romano indiziato dei delitti di tentato omicidio e rapina, in concorso con altro.
In particolare, la mattina dell’11 maggio i poliziotti erano intervenuti in via Casal di Brocco dove una donna, era stata speronata da una coppia a bordo di una Fiat Marea e derubata della propria giacca all’interno della quale erano contenuti 1700 euro in contanti.
La donna cercava di riprendersi la giacca tentando di bloccare la marcia ai malviventi aggrappandosi alla loro macchina, ma questi dapprima l’hanno trascinata lungo la strada e dopo hanno bloccato la marcia facendola cadere sotto il veicolo.
Dopo essere stata soccorsa e condotta all’ospedale di Anzio, la donna si è presentata negli Uffici della Polizia di Stato per presentare la denuncia.
Gli Agenti dopo aver visionato le immagini di alcune telecamere posizionate sulla via e aver raccolto le testimonianze di cittadini hanno indirizzato le ricerche verso un individuo di circa 40 anni ed una Fiat Marea, individuata dalle riprese con targa parziale. L’autovettura, localizzata in via dei Tigli ad Anzio, risultava di proprietà di una persona anziana ma in uso al figlio pluripregiudicato.
Rintracciato nella giornata di ieri, C.A. è stato sottoposto in stato di Fermo di Polizia Giudiziaria, fortemente indiziato dei delitti di tentato omicidio e rapina in concorso con altro. La donna in sua compagnia al momento della rapina, G.S.H cittadina Bulgara di 30 anni, ha confermato ai poliziotti quanto accaduto.
C.A. al termine delle formalità di rito è stato condotto al carcere di Velletri e la sua complice è stata denunciata in stato di libertà.

ROMA: MOLESTA DUE DONNE ALLA STAZIONE TERMINI, SENEGALESE ARRESTATO DAI CARABINIERI PER VIOLENZA SESSUALE

ROMA 19 Maggio 2010 – I Carabinieri del Nucleo Scalo Termini di Roma hanno arrestato ieri sera un cittadino senegalese, di 36 anni, pregiudicato per violenza sessuale nei confronti di due persone. Il giovane in via Gioberti, alle spalle della Stazione toccandola in modo insistente, poi a distanza di pochi metri, sempre sulla stessa via si è avvicinato ad un’altra ragazza, romana, di 21 anni, rivolgendole le stesse attenzioni. I militari che si trovavano nello scalo ferroviario di pattuglia, sono stati avvisati da alcuni passanti, e sono intervenuti riuscendo a bloccare lo straniero. Ammanettato, è stato subito portato in caserma e successivamente condotto presso il carcere di Regina Coeli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

MIKE TYSON “NOSTRANO”, DURANTE UNA LITE, MORDE L’ORECCHIO DEL RIVALE IN AMORE MANDANDOLO ALL’OSPEDALE. DENUNCIATO DAI CARABINIERI.

ROMA 19 Maggio 2010 – I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina hanno denunciato a piede libero un ragazzo romano di 28 anni con l’accusa di lesioni personali aggravate. Il giovane, incensurato, commesso di professione, intorno alle 2 di questa notte, ha dato vita ad un’animata discussione con un altro ragazzo, un 29enne romano, per motivi legati al comune interesse per una ragazza. Al culmine della discussione il commesso, sopraffatto dall’ira, ha aggredito il suo rivale mordendogli con forza l’orecchio sinistro. I Carabinieri sono immediatamente intervenuti sul posto a seguito di una richiesta pervenuta al 112, da parte di alcuni cittadini. Il ragazzo ferito, trasportato al Policlinico Casilino con l’orecchio sanguinante, è stato medicato e dimesso con 30 giorni di prognosi.

Posted by on 20 maggio 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento