Napoli: la festa della Marina Militare Italiana

Festa della Marina Militare Italiana NAPOLI 10 Giugno 2010 – Oggi la Marina Militare ha celebrato la propria festa in ricordo di una delle più significative ed ardite azioni compiute sul mare nel corso della 1ª Guerra Mondiale: l’impresa di Premuda da parte del Comandante Rizzo.
Quest’anno le celebrazioni si sono svolte a Napoli, città dagli antichi e profondi legami storico-navali con la nostra Forza Armata, alla presenza del Presidente della Repubblica. La Marina è stata rappresentata da personale delle diverse specialità e da alcune navi presenti nel Mar Tirreno per attività addestrativa che hanno defliato davanti il lungomare Caracciolo per rendere gli onori al Capo dello Stato con il tradizionale Saluto alla Voce.
Festa della Marina Militare Italiana Nel corso della cerimonia, il Presidente della Repubblica ha consegnato due Medaglie d’Oro al Merito di Marina: la prima alla Bandiera di guerra del 3° gruppo elicotteri e la seconda all’olimpica di windsurf Alessandra Sensini.
La Banda Musicale della Marina si è esibita in concerto in Piazza del Plebiscito il 9 giugno alle 21:00 e la mostra istituzionale a Palazzo Reale dal 10 al 13 giugno è visitabile, con ingresso gratuito, dalle 09:30 alle 12:30 e dalle 16:00 alle 19:30.

Festa della Marina Militare Italiana Il Ministro della Difesa Ignazio La Russa ha preso parte, alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, alla Festa della Marina Militare che ha avuto luogo presso il Lungomare Caracciolo di Napoli.
Alle celebrazioni, erano presenti, tra gli altri, il Vice Presidente del Senato Rosa Angela Mauro, il Sindaco di Napoli Rosa Jervolino Russo, il Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Vincenzo Camporini , il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare Ammiraglio di Squadra Bruno Branciforte, i Vertici militari, Autorità civili, militari, religiose e numerosi cittadini.

Posted by on 10 giugno 2010. Filed under Agenda, Copertina, Magazine. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento