Roma: scoperto laboratorio clandestino cinese

ROMA 11 Luglio 2010 – I Carabinieri della Stazione di Roma Tor Vergata hanno fatto irruzione in un laboratorio clandestino cinese che confezionava capi d’abbigliamento, arrestando due cittadini di nazionalità cinese, gestori dell’attività, per favoreggiamento all’immigrazione clandestina e due operai per inottemperanza all’ordine di espulsione.
I militari, nell’ambito di un’articolata attività investigativa di contrasto al fenomeno dell’immigrazione clandestina, hanno pedinato e osservato per diversi giorni i movimenti di automezzi che scaricavano stoffa ed altro materiale e caricavano capi d’abbigliamento ben confezionati, fino al blitz scattato nella giornata di ieri. Nel locale erano state disposte una cinquantina di postazioni di lavoro dove gli immigrati erano costretti a lavorare in condizioni disumane, con turni di lavoro massacranti, fino a 15 – 18 ore al giorno. A fianco alle postazioni di lavoro erano state ricavate con fogli di compensato piccole stanze con lettini dove gli operai, dopo il proprio turno di lavoro, potevano “riposare” in condizioni igienico sanitarie precarie.
I carabinieri hanno identificato 8 cittadini tutti di nazionalità cinese mentre stavano lavorando.
I militari hanno arrestato e accompagnato in carcere i due gestori dell’attività, un uomo e una donna cinesi di 29 e 35 anni, mentre altri due operai irregolari sul territorio nazionale, sono stati arrestati per inottemperanza all’ordine di espulsione, e verranno processati questa mattina con il rito direttissimo.
Sono in corso altri accertamenti dei militari per verificare se si possano ricondurre responsabilità penali anche a chi ha commissionato la produzione.

Posted by on 11 luglio 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento