Afghanistan: attaccati militari italiani, nessun ferito, talebani rivendicano attentato

FARAH 17 Luglio 2010 – Un’autobomba è esplosa al passaggio di un convoglio di militari italiani in Afghanistan, nella provincia di Farah, nell’Ovest del Paese, intorno alle ore 14 in Italia. Secondo quanto si apprende, nessuno dei nostri militari è rimasto ferito. La deflagrazione ha danneggiato un solo un mezzo dei cinque “Lince” che componevano il convoglio. I talebani hanno rivendicato l’attacco, sostenendo che ha provocato “numerose vittime” e senza specificare la presenze dai soldati italiani.

Anche nella giornata di ieri, alle ore 6.25 locali (3.55 italiane) nei pressi dell’ingresso sud della base del Regional Command West, ad Herat, un suicida a bordo di una vettura si era fatto esplodere contro un veicolo della polizia afgana in transito.

A seguito dell’esplosione tre agenti risultano feriti. A causa delle lesioni riportate, gli stessi sono stati ricoverati presso l’ospedale spagnolo di Camp Arena. Nessun danno a persone o cose è stato riscontrato all’interno del campo. L’area dell’esplosione è stata cordonata dalle forze di ISAF per indagare sull’accaduto.

Posted by on 17 luglio 2010. Filed under Esteri, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento