Operazione “Match Point”, 19 arresti in tutta Italia

ROMA 20 Luglio 2010 – Nuovi arresti sono stati eseguiti nelle province di Roma, Pisa, Cosenza e Siracusa dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma nell’ambito dell’operazione “Match Point”, riguardante un’organizzazione criminale transnazionale dedita alla contraffazione di carte di credito, frodi informatiche e furti di identità finalizzati alle truffe a mezzo internet.

L’indagine, avviata nel dicembre 2008, ha permesso di far luce su un gruppo composto da elementi della criminalità calabrese ed esperti hacker, i quali avevano dato vita ad una vera e propria organizzazione criminale con base a Roma e connessioni in diverse Regioni italiane. Il gruppo agiva grazie a consolidati legami con organizzazioni criminali russe e ucraine specializzate nel furto di codici di carte di credito [mediante intrusioni informatiche sui server di importanti società finanziarie] e nella successiva commercializzazione di tali dati sensibili attraverso la rete internet, con chat e sistemi di messaggistica criptati.

L’organizzazione italiana era solita acquistare tali codici [con costi variabili tra 20 e 100 dollari a codice in base alla tipologia di carta di credito e conseguentemente al limite di spesa ottenibile] per contraffare carte di credito da utilizzare in ingenti spese per l’acquisto di prodotti vari presso negozi di lusso [abbigliamento griffato] e centri commerciali [prodotti hi tech], prodotti che venivano poi rivenduti ad una rete consolidata di ricettatori operanti a Roma e in Calabria. Considerato il notevole volume d’affari [con ordinativi di codici illeciti dai 30.000 a 50.000 euro per volta], al fine di evitare che i movimenti di denaro necessari per acquistare i codici in est Europa potessero destare sospetti, gli indagati utilizzavano vari prestanome operanti in diverse località italiane, i quali effettuavano versamenti di denaro ai complici esteri mediante sistemi di money transfer.

Ulteriore modus operandi dell’organizzazione criminale era basato sull’effettuazione di truffe su siti di aste on line; gli indagati simulavano la vendita di prodotti hi tech mediante aste on line, ricorrendo a identità false al fine di eludere i sistemi di controllo antifrode dei gestori dei siti in questione, e si facevano versare dai vincitori delle aste, anticipi di pagamento su carte prepagate [fittiziamente intestate a soggetti terzi vittime di furto d’identità] senza poi fornire la merce oggetto della transazione. Tale metodo è stato utilizzato anche per eseguire truffe mediante falsi annunci di affitto di case in luoghi di villeggiatura, con conseguenti numerosi raggiri in danno di decine e decine di utenti della rete internet in vista della stagione estiva.

I diversi nickname utilizzati dagli arrestati erano ormai divenuti tristemente famosi sul web, oggetto di discussione su vari forum e su siti specializzati dove si mettevano in guardia gli utenti da possibili truffe.

L’operazione odierna costituisce il seguito di quella eseguita lo scorso 18 maggio quando, i Carabinieri di Roma arrestarono 23 componenti dell’organizzazione, sequestrando i laboratori clandestini utilizzati per la contraffazione delle carte di pagamento. I riscontri acquisiti durante le perquisizioni eseguite a maggio in 11 Regioni italiane e nuove risultanze investigative, hanno consentito di accertare numerosi nuovi episodi delittuosi e di identificare nuovi soggetti operanti per conto dell’organizzazione e quindi destinatari della misura cautelare eseguita nella mattinata odierna. Tra questi vi sono un gruppo di soggetti che agivano stabilmente quali ricettatori della merce ottenuta dall’organizzazione attraverso gli acquisti con le carte di credito false.

L’indagine, coordinata dal Proc. Agg. Dr. Nello Rossi e dal Sost. Proc. Dr. Stefano Fava dalla Procura della Repubblica di Roma, ha permesso finora di ottenere significativi risultati investigativi grazie all’impegno di una squadra di Carabinieri del Nucleo Investigativo di via in Selci, specializzati nel contrasto ai reati informatici.

In totale, sono state 42 le Misure Cautelari Personali emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma, dr. Massimo Battistini. Rilevanti anche i sequestri effettuati: apparecchiature professionali per la contraffazione della carte di pagamento [stampanti termografiche, tessere plastiche e materiale tipografico, software professionali, …]; oltre 500 carte di credito già clonate e più di un migliaio di codici rinvenuti sui vari supporti informatici sequestrati.

Posted by on 20 luglio 2010. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

One Response to Operazione “Match Point”, 19 arresti in tutta Italia

  1. Pingback: Addebito fraudolento verso Sisal - Pagina 2 - VWItalia.it - Das Site

Lascia un commento