Roma: temendo licenziamento assicuratore uccide il suo agente

ROMA 24 Luglio 2010 – Problemi sul lavoro, questa la motivazione che ha spinto P.F. assicuratore romano di 30 anni, ad uccidere il suo agente di 60 anni al termine di un litigio ed a gettarlo in una scarpata lungo la strada che collega Leonessa a Rieti e ad occultarne il cadavere ricoprendolo con sassi e terriccio.

Ieri mattina i due erano andati insieme con l’auto del giovane a Leonessa per concludere un affare, ma nel tardo pomeriggio tornando verso Roma, sono nate tra i due alcune incomprensioni e diverbi che hanno spinto P.F., temendo di essere licenziato, a colpire violentemente e ripetutamente la sua vittima con una mazza da baseball, fino ad ucciderlo.

Si è poi disfatto della mazza utilizzata per compire il delitto gettandola nell’adiacente boscaglia, riprendendo la marcia e disfandosi durante il tragitto di alcuni oggetti appartenuti alla vittima.

E’ stata la moglie della vittima a denunciare alle 21 di ieri sera la scomparsa del marito alla Polizia di Stato telefonando al Commissariato Tor Carbone spiegando che il giovane era già arrivato a Roma e le aveva detto di aver lasciato il coniuge presso la sede dell’agenzia, ma questi più volte da lei chiamato, non rispondeva alle telefonate.

I poliziotti del Commissariato Tor Carbone, sulla base di fondati sospetti, hanno richiesto immediatamente all’A.G. l’emissione di un decreto per poter individuare il tracciato telefonico dello scomparso, e questa notte gli agenti della Squadra Mobile delle Questure di Roma e di Rieti, ne hanno ritrovato il corpo senza vita.

Interrogato, P.F. ha confessato ed è stato perciò sottoposto a fermo di p.g. per omicidio volontario ed occultamento di cadavere.

Posted by on 24 luglio 2010. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento