Roma: ferragosto all’insegna della sicurezza, il questore Tagliente incontra i poliziotti al lavoro

ROMA 15 Agosto 2010 – Hanno lavorato tutta la notte per vigilare sulla sicurezza delle “feste” e dei raduni tipici della notte che apre il ferragosto. E ancora questa mattina hanno iniziato presto.
Ad attenderli alle ore 8.00, hanno trovato il Questore di Roma, Francesco Tagliente, che ha voluto testimoniare l’apprezzamento e la gratitudine ai proprio uomini per la motivazione e la professionalità con cui affrontano l’impegno per la sicurezza della collettività, anche con importanti sacrifici che investono la sfera privata.
Sono gli uomini e le donne in divisa della Polizia di Stato, dei Commissariati di Ostia, Civitavecchia e Anzio, insieme ai colleghi delle Squadra Nautica e del Reparto a Cavallo.
In particolare, durante le ore delle trascorsa notte, lungo tutto il Litorale gli uomini dei Commissariati hanno lavorato per il regolare svolgimento delle manifestazioni organizzate per salutare la metà di agosto, ma soprattutto per vigilare sui falò organizzati sulle spiagge ed evitare che si trasformassero in rave party non autorizzati.
C’è anche l’equipaggio del Reparto Volo di Pratica di Mare oggi, che dall’alto controlla le arterie di accesso al litorale, dando supporto agli acquascooter della Squadra Nautica, sono impegnati nel pattugliamento delle coste per la sicurezza dei bagnanti.
Un semplice saluto per testimoniare l’importanza della “squadra”,-ha esordito il Questore come in occasione delle oltre 30 visite che dal suo insediamento lo hanno visto incontrare gli operatori e i dirigenti di altrettanti Commissariati oltre che di tutti gli uffici centrali- ma, soprattutto, per sottolineare l’importanza di assicurare la vicinanza nei confronti del cittadino.
Questa mattina, alle 7.30, il Questore Tagliente ha anche salutato il personale impegnato in città attraverso un messaggio via radio rivolto alle pattuglie su strada direttamente dalla centrale operativa di via S. Vitale.

Posted by on 15 agosto 2010. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento