Roma: cc sventano furto in villa, e trovano una piantagione illegale nella casa vicina

FORMELLO (RM) 03 Settembre 2010 – La scorsa notte i Carabinieri della Stazione di Formello e della Compagnia Roma Cassia hanno arrestato un cittadino cubano di 40 anni, incensurato, con l’accusa di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari erano stati contattati intorno alle 22:00 da alcuni residenti di un comprensorio di Formello che avevano udito strani rumori provenire da una delle abitazioni. Temendo che fosse in atto un tentativo di furto, i militari hanno effettuato un controllo nei pressi della villetta senza riscontrare alcunché. L’attenzione dei Carabinieri, però, è stata attirata da una ”strana” vegetazione che si scorgeva nelle pertinenze della casa vicina a quella segnalata, che si è rivelata essere un’estesa piantagione di marijuana. I militari hanno deciso di attendere il rientro del “coltivatore diretto” che, dopo qualche ora, è stato bloccato. L’uomo, descritto dai vicini come una persona mite e tranquilla, aveva allestito con incredibile ingegnosità e meticolosità un’ingente coltivazione di cannabis indica, parzialmente celata dietro una fitta siepe di lauro: 110 rigogliose piante alte circa due metri, ognuna corredata da sostegni e derivazioni dell’impianto d’irrigazione.
In una grotta di tufo attigua alla villetta, inoltre, i Carabinieri hanno rinvenuto un’avanzatissima serra composta da lampade, irrigatori, riscaldamento e deumidificatore, impianto reso completamente autonomo e che si autoregolava anche in caso di improvvisi cambiamenti climatici.
Anche una seconda grotta più grande, vicina alla prima, era in fase di allestimento.
Nell’abitazione del cittadino cubano i Carabinieri hanno trovato due armadi trasformati in essiccatoi, 2 Kg di marijuana pronta per essere venduta e 52 grammi di hashish, oltre a 1.000 euro, bilance di precisione, omogeneizzatori e tutto l’occorrente per la conservazione ed il confezionamento della droga.
Il pusher è stato associato al carcere di Rebibbia in attesa delle decisioni dell’Autorità Giudiziaria.

Posted by on 3 settembre 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento