Roma: ladro denuncia complice compagno della ex moglie, arrestati per furto e coltivazione di marijuana

ROMA 09 Settembre 2010 – Intervenuti in un palazzo di via di Torre Maura perché sospettavano che lì si fosse nascosto il complice di un furto in appartamento poco prima sventato dalla Polizia, scoprono piantagione di droga.
Seguendo le tracce di T.R., 58enne ciociaro, arrestato poco prima in via Tuscolana per tentato furto in appartamento, gli agenti del Commissariato Tuscolano, diretto dalla dott.ssa Laura Vilardo, hanno scoperto una coltivazione casalinga di marijuana.
La proprietaria dell’appartamento, ex moglie ma convivente del complice di T.R. riuscito a scappare e del quale sono in corso le ricerche finalizzate alla cattura, credeva di aprire la porta al fidanzato col bottino.
Con grande sorpresa, invece, si è trovata dinanzi i poliziotti che, dall’uscio di casa, hanno notato un vaso con una pianta di marijuana nel salone, vicino ad una finestra.
Incuriositi ed insospettiti, hanno effettuato una perquisizione.
Hanno così scoperto che la proprietaria, A.P. 54enne romana, aveva trasformato l’intero appartamento in una vera e propria coltivazione di marijuana.
Sul balcone del soggiorno erano stati sistemati altri 5 vasi contenenti piante di marijuana.
Altri 2 vasi erano stati sistemati sul balcone della cucina, accanto ad una scatola di plastica contenente foglie essiccate di marjiuana.
Non poteva mancare un altro vaso nella camera da letto, nel secchio della spazzatura e in uno stanzino.
In tutto 11 le piante sequestrate dalla Polizia, tutte dell’altezza di 1,5 mt.
A.P. pregiudicata, è stata arrestata per coltivazione di marijuana.
Invece T.R. era stato arrestato in flagranza dagli agenti del Commissariato intervenuti tempestivamente in seguito alla segnalazione di furto in atto in appartamento. Bloccato sulle scale dell’edificio preso di mira, aveva forzato la serratura della porta d’ingresso dell’immobile.

Posted by on 9 settembre 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento