Trent’anni di volo libero: si festeggia a Bergamo e Bolzano

Domenica 19 settembre a Palazzago (Bergamo) l’associazione Volo Libero
Bergamo festeggerà il suo trentesimo anniversario.
Si tratta di una data importante per i 70 piloti che praticano il volo in
deltaplano e parapendio nelle fila di questo sodalizio e per i tanti che vi
hanno militato, molti ancora in contatto con i colleghi di oggi.
La data testimonia pure quanto il volo libero, entusiasmante disciplina che
sfrutta come motore l’energia del sole e delle correnti d’aria ascensionali,
conseguenza dell’irraggiamento del suolo, sia solidamente attestato tra le
attività sportive e del tempo libero in provincia, come nel resto d’Italia.
Le prealpi Orobiche e le valli bergamasche sono una palestra invidiabile per
la pratica del volo libero, attività che qui annovera club e scuole: a
Caprino Bergamasco, ad Albino, in Val Gandino ed a Rovetta.
Per i 30 anni del Volo Libero Bergamo si attendono piloti, amici e semplici
curiosi un po’ da tutta la regione. Dopo il ritrovo verso mezzogiorno, dai
decolli in Roncola e sul Monte Linzone inizieranno i voli che culmineranno
nel vasto atterraggio di Palazzago con una gara di precisione. Seguiranno
premiazioni e buffet.
Difficile stabilire orari precisi: il volo libero è fortemente legato alle
condizioni meteo ed ai capricci del tempo che condizionano ogni programma.

Contemporaneamente il Falken Club di Falzes (Bolzano) festeggerà il 35° anno
di attività, il 17, 18 e 20 del mese.
Per la ricorrenza presso Campo Tures, avrà luogo un Air Show con varie
pattuglie acrobatiche, dimostrazioni di aeromodelli, aerei ed elicotteri,
paracadutismo, alianti, palloni aerostatici ed ovviamente parapendio e
deltaplani, presente per questa specialità il campione del mondo Alex
Ploner, l’azzurro che detiene il titolo mondiale. A coronare il tutto un
festival di musica country al Palazzetto dello Sport.

Posted by on 15 settembre 2010. Filed under Agenda, News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento