Catania: iPhone 4 in vendita su web, ma era una truffa

CATANIA 17 Settembre 2010 – Militari appartenenti al Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Catania, su delega della locale Procura Distrettuale della Repubblica, hanno identificato e segnalato a piede libero una donna di anni 32, e un uomo di 67 anni, residenti entrambi a Napoli e un terzo uomo di anni 38 residente a Potenza.
Gli autori della truffa, dopo aver creato un dettagliato e funzionale sito di e-commerce, ponevano in vendita su di esso le più recenti apparecchiature tecnologiche presenti nel mercato, tra cui l’oggetto del desiderio di migliaia di appassionati della casa di Cupertino: il famoso “Apple iPhone 4G 32 Giga”. Il “melafonino” veniva proposto sul loro sito in pronta consegna ad un prezzo scontatissimo, quando ancora le maggiori società di telefonia mobile italiane accettavano solo prenotazioni per l’acquisto comunicando tempi lunghi per la consegna dell’apparato.
Alla fraudolenta offerta rispondeva un utente catanese, che credendo nella bontà della vendita online, effettuava, tramite bonifico su carta di credito, un accredito di € 619,00 a favore di un fantomatico cittadino napoletano.
A tale azione non seguiva, purtroppo, la spedizione della merce all’acquirente catanese, tant’è che questi sporgeva formale querela contro gli ignoti responsabili della truffa in questione.
I Finanzieri etnei, attraverso l’analisi tecnica di specifici “file di log” pervenuti dai providers interpellati ed al minuzioso incrocio delle varie risultanze d’indagine, sono riusciti a risalire agli autori dell’illecito dalle cui utenze telefoniche sono partite le connessioni alla rete Internet con le quali è stata perpetrata la frode informatica.
Si tratta di un uomo e di una donna napoletani e di un uomo di origine lucana, denunciati a piede libero per il reato di truffa.
I militari hanno conseguito tale risultato grazie all’efficace capacità investigativa atta a sfatare quel mito per il quale i “surfisti del Web” credono ancora che la rete Internet permetta di essere del tutto sconosciuti durante le navigazioni.

Posted by on 17 settembre 2010. Filed under News Locali. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento