Roma: Rasmussen incontra La Russa, apprezzamenti per il contingente italiano in Afghanistan

ROMA 18 Settembre 2010 – Il Ministro della Difesa Ignazio La Russa ha incontrato ieri mattina, a Palazzo Baracchini, il Segretario Generale della NATO Anders Fogh Rasmussen.
La visita in Italia del Segretario Generale si inquadra nell’ambito delle consultazioni in vista del Vertice dei Capi di Stato e di Governo dell’Alleanza Atlantica, in programma a novembre a Lisbona.
Nel corso del colloquio, svoltosi in un clima di viva cordialità, La Russa e Rasmussen hanno approfondito i principali temi all’attenzione della NATO, tra cui la situazione in Afghanistan e gli sviluppi della missione ISAF.
Riguardo all’Afghanistan, il Segretario Generale, dopo aver espresso parole di apprezzamento per l’operato del Contingente nazionale, ha ringraziato il Ministro per l’importante impegno italiano in quel Teatro, lodando in particolare la qualità degli istruttori militari italiani, auspicando un loro possibile incremento.
In proposito, il Ministro La Russa, nel confermare l’impegno militare italiano, ha assicurato la massima attenzione del Governo italiano nel contribuire al processo di transizione delle responsabilità di controllo del territorio al Governo afgano, precisando come un eventuale incremento del numero degli istruttori dovrà essere deciso dal Presidente del Consiglio e dal Governo, ma che comunque il Ministero della Difesa e le Forze Armate sono pronti a svolgere il loro compito con l’efficacia che è internazionalmente riconosciuta.
Il Ministro ed il Segretario Generale si sono quindi soffermati anche sulle riflessioni in corso per la definizione del “Nuovo Concetto Strategico” della NATO e per l’ottimizzazione della struttura dei Comandi dell’organizzazione.
Al termine dell’incontro, il Ministro La Russa ed il Segretario Generale Rasmussen hanno inaugurato la sala riunioni di Palazzo Baracchini, con lo scoprimento di una targa dedicata agli “eroi della pace”.

Posted by on 18 settembre 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento