Marina Militare e problematica amianto: senato approva disegno di legge, la soddisfazione del ministro La Russa

ROMA 29 Settembre 2010 – Il Ministero della Difesa esprime grande soddisfazione per l’approvazione in data odierna, da parte del Senato, del disegno di legge riguardante, tra l’altro, la delega al Governo in materia di lavori usuranti.

In tale ambito sono previste le norme riguardanti il personale della Marina Militare imbarcato sulle unità navali e interessato dalla problematica dell’amianto.

Il testo oggi approvato prevede infatti, tra i soggetti equiparati alle vittime del dovere, anche il personale deceduto o che ha contratto infermità permanentemente invalidanti in conseguenza dell’esposizione all’amianto presente sul naviglio dello Stato, come peraltro già ribadito dal Consiglio di Stato.

A tale fine il fondo già esistente in favore delle vittime del dovere è stato incrementato del cinquanta per cento.

La disposizione sana inoltre la sperequazione normativa finora in atto, che escludeva le navi militari, e in generale il naviglio dello Stato, dalla disciplina del lavoro prevista a bordo delle navi mercantili e degli aeromobili, determinando un evidente deteriore trattamento in favore sia del personale imbarcato sul naviglio militare sia del relativo datore di lavoro.

Con il provvedimento oggi approvato viene perciò confermata la doverosa attenzione da parte del Governo nei riguardi del personale della Marina Militare, rimasto finora escluso da norme più favorevoli già previste per altri lavoratori.

A conclusione dell’iter legislativo in Senato, sono state espresse parole di gratitudine da parte del Dicastero nei riguardi di tutti coloro che hanno concretamente operato per l’approvazione del provvedimento e , in particolare, il relatore, Sen. Filippo Saltamarini ed il Presidente della quinta Commissione Bilancio, Sen. Antonio Azzollini.

Posted by on 29 settembre 2010. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento