Progetto “Torino-Kabul 2005”: consegnati aiuti umanitari ai piccoli dell’asilo

Progetto Comune di Torino in prima linea sul fronte degli aiuti umanitari ai bambini dell’Afghanistan. La scorsa settimana, alla presenza del Generale di Divisione Claudio Mora (Deputy Chief of Staff Stability ISAF, nonché Italian Senior National Representative in Afghanistan), si è infatti svolta una consegna di aiuti umanitari presso il “Kindergarten” di Kabul, un asilo per i bambini e le bambine residenti nel distretto n.5 della capitale afghana.

Costruita nell’ambito del progetto denominato “Torino-Kabul 2005” e promosso dagli enti pubblici e dal Comune di Torino, supportati dalla Brigata Alpina Taurinense (all’epoca impiegata con il proprio Comando presso la capitale afghana), la struttura scolastica rappresenta uno dei tanti progetti umanitari volti a supportare la popolazione locale nel quadro delle attività di cooperazione civile e militare (CIMIC) condotte dal Contingente Italiano durante la propria permanenza in Kabul, iniziata nel maggio 2002 e terminata lo scorso mese di ottobre.

Progetto La consegna degli aiuti, svolta a cura del personale militare italiano impiegato presso il Quartier Generale di ISAF (coordinato dal Tenente Colonnello Edmondo De Pompeis), è stata possibile grazie alle donazioni (ovvero materiale didattico di vario genere e giocattoli per l’infanzia per un totale di 40 colli) effettuate dalla cittadinanza del Comune di Torino all’Ente Ospedaliero Universitario “S.Giovanni Battista Molinette” del capoluogo Piemontese che, dopo aver partecipato attivamente al progetto umanitario del 2005, ha voluto rinsaldare i rapporti di amicizia con la cittadinanza di Kabul.

Durante la breve, ma al tempo stesso significativa cerimonia, è stata ricordata la figura di Alfredo Ventre, uno dei più attivi promotori dell’odierna donazione, venuto a mancare dopo una lunga malattia qualche settimana fa.

Posted by on 5 ottobre 2010. Filed under Copertina, Esteri. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento