Roma: controlli all’agroalimentare di Guidonia, carabinieri si fingono steward

GUIDONIA (RM) 22 Ottobre 2010 – Si è concluso stamani un servizio di controllo dei Carabinieri della Compagnia di Tivoli svolto all’interno del Centro Agroalimentare Roma di Guidonia finalizzato al contrasto dello sfruttamento dell’immigrazione clandestina. I militari si sono “mimetizzati” nella struttura indossando, alcuni le pettorine in uso agli steward che svolgono la vigilanza nel C.A.R., altri le casacche che identificano i dipendenti del centro. Il bilancio è di una persona arrestata e altre tre denunciate a piede libero. A finire in manette è stato un cittadino moldavo che dagli accertamenti sul suo conto è risultato gravato da un decreto di espulsione dal territorio dello Stato. Nonostante il provvedimento, l’uomo è stato sorpreso mentre stava svolgendo irregolarmente l’attività di carico e scarico della merce.
I Carabinieri della Tenenza di Guidonia, invece, hanno denunciato a piede libero tre acquirenti del settore ortofrutticolo per aver impiegato quale manodopera alcuni lavoratori extracomunitari privi del permesso di soggiorno.
Il blitz dei Carabinieri della Compagnia di Tivoli nel Centro Agroalimentare ha portato anche al rintraccio di 7 cittadini extracomunitari, sprovvisti di permesso di soggiorno, nei confronti dei quali sono state avviate le procedure per l’espulsione dal territorio nazionale.
La quotidiana presenza dei Carabinieri all’interno del C.A.R. vuole scoraggiare il fenomeno dell’impiego irregolare di cittadini extracomunitari, per la maggior parte di origine maghrebina, che sono in grado di offrire forza lavoro a basso costo a favore di produttori agricoli e acquirenti, spesso trovando la complicità degli operatori del settore.
L’attività di monitoraggio e di contrasto da parte dei Carabinieri ha fatto emergere violazioni della normativa in tema di sfruttamento dell’immigrazione clandestina e della disciplina del lavoro subordinato, con conseguenti ed inevitabili turbative sul piano economico-concorrenziale che rischiano di pregiudicare il corretto svolgimento delle attività commerciali durante le fasi di contrattazione delle merci.
I risultati operativi ottenuti scaturiscono anche dalla collaborazione esistente tra i Carabinieri ed i quadri direttivi del Centro Agroalimentare di Roma grazie alla quale è possibile monitorare costantemente l’area commerciale in costante crescita e che, ad oggi, risulta tra le realtà economiche più importanti del Centro Italia.

Posted by on 22 ottobre 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento