Roma: fidanzato romeno la costringeva a prostituirsi, arrestato dai carabinieri

ROMA 10 Novembre 2010 – Grazie all’intervento dei Carabinieri della Stazione di Acilia ieri sera, è finito l’incubo per una ragazza romana di 25 anni, che da circa 3 anni era costretta dal fidanzato a prostituirsi. La giovane aveva intrapreso una storia d’amore con un ragazzo romeno, di un anno più grande, con cui aveva deciso, dopo poco tempo, di andare a convivere. Dopo qualche mese, il ragazzo innamorato, premuroso e dolce si è trasformato in un mostro. La minacciava di morte, la picchiava per costringerla a prostituirsi perchè “doveva portare i soldi a casa”. Se la ragazza non avesse acconsentito, il ragazzo romeno ha minacciato ritorsioni anche nei confronti della sua famiglia. Tutti i giorni, il giovane sfruttatore accompagnava la fidanzata sulla via Cristoforo Colombo, dove spesso era costretta a dover fare i conti con le altre “lucciole”, per motivi legati alla spartizione del territorio. Per un po’ di tempo, la ragazza è stata costretta a vendere il proprio corpo anche a Milano, sempre sotto l’occhio vigile del fidanzato aguzzino, per poi ritornare a Roma dove le richieste di maggiori guadagni erano sempre più insistenti. A gennaio scorso, la ragazza è riuscita a fuggire e si è rivolta ai Carabinieri per denunciare il suo calvario. Dopo un breve periodo di detenzione, il cittadino romeno è, però, tornato in libertà ed è ricominciato l’incubo per la giovane italiana, costretta nuovamente a prostituirsi. Ieri pomeriggio, intorno alle 14, dopo aver avuto una discussione in un bar di Acilia, il romeno si è allontanato e la giovane in lacrime ha nuovamente trovato il coraggio di chiedere aiuto ai Carabinieri. I militari della Stazione di Acilia hanno raccolto la denuncia ed hanno arrestato di nuovo il 26enne romeno con l’accusa di sfruttamento della prostituzione. Il cittadino romeno è stato associato al carcere di Regina Coeli.

Posted by on 11 novembre 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento