In memoria di Nassiriya: settimo anniversario della strage e giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace

In memoria di Nassiriya: settimo anniversario della strage e giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace ROMA 12 Novembre 2010 – Stamane il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha reso omaggio ai caduti di Nassiriya, in occasione del settimo anniversario della strage, in cui rimasero vittime 19 italiani, e della giornata per il ricordo dei caduti nelle missioni internazionali.
«In occasione del 7° anniversario della strage di Nasiriyah e delle commemorazioni per la giornata del ricordo dei caduti nelle missioni internazionali – si legge nel messaggio di Napolitano indirizzato al ministro della Difesa Ignazio La Russa – desidero esprimere il mio commosso e deferente omaggio alla memoria di tutti coloro che, animati da altissimo senso del dovere, hanno perso la vita nel loro impegno al servizio dell’Italia e della Comunità Internazionale per la stabilizzazione delle aree di crisi e la costruzione della pace, contro la persistente minaccia del terrorismo transnazionale in nome dei principi cui si ispira la nostra Costituzione».
«Nella ricorrenza del 7° anniversario della strage di Nasiriyah in cui persero la vita diciannove italiani, impegnati ad aiutare il popolo iracheno a ritrovare la libertà ed a conquistare la pace, e nella giornata del ricordo dei caduti nelle missioni internazionali, desidero rivolgere un doveroso omaggio ed un sentito tributo di riconoscenza a questi nostri valorosi caduti e a tutti coloro che hanno perso la propria vita in difesa della democrazia – si legge nel messaggio dell’On. Gianfranco Fini per il settimo anniversario della strage – la memoria del loro sacrificio, così consapevolmente viva nelle nostre menti e nei nostri cuori, impegna l’Italia a proseguire, insieme ai suoi alleati, nell’opera di costruzione di stabilità nel mondo e nella lotta contro il terrorismo e contro ogni forma di violenza e di sopraffazione. Nell’esprimere il più profondo sentimento di gratitudine mio personale e dell’intera Camera dei deputati a tutte le donne e a tutti gli uomini delle Forze armate che con professionalità e coraggio operano quotidianamente anche a rischio della vita in Italia e nel mondo per garantire la pace e la sicurezza, desidero rivolgere ai familiari di tutti i militari caduti nell’adempimento della propria missione i sentimenti della mia più intensa solidarietà e vicinanza».
Nella mattinata di oggi, il Ministro della Difesa Ignazio La Russa, insieme con il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta ed il Sindaco di Roma Capitale Gianni Alemanno, hanno presenziato alla cerimonia di inaugurazione di un monumento commemorativo collocato al centro del Belvedere Caffarelli in Campidoglio, in occasione della “Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace”.
Alla cerimonia saranno anche presenti i familiari dei vittime ed altre Autorità istituzionali.
L’opera, voluta dal Ministro La Russa quale memoriale di tutti i Caduti, militari e civili, nelle missioni internazionali per la pace, è stata realizzata in collaborazione con Roma Capitale.

L’istituzione del 12 novembre, con voto unanime del Parlamento, quale giornata in cui ricordare i Caduti militari e civili delle missioni internazionali per la pace rappresenta il riconoscimento del Paese per coloro hanno onorato il nome dell’Italia e il nostro tricolore in tutto il mondo. Una proposta di legge che prese spunto da altre iniziative in tal senso e venne unificata e presentata in unico testo disegno di legge dal Ministro della Difesa Ignazio la Russa.
Questa data vuole celebrare, così ogni anno, la memoria di quegli italiani che, impegnati in diversi Paesi del mondo nelle missioni all’estero a sostegno della pace e della sicurezza internazionale, hanno perso la vita nell’adempimento del dovere, mantenendo vivo l’esempio di tanto coraggio e di tanta dedizione mostrato dai nostri militari e civili.

Il 12 novembre è una data dolorosa per tutti gli italiani perché è l’anniversario della strage di Nassiriya in cui diciannove connazionali, come ricordato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, “donarono il bene supremo della vita ispirandosi a un nobile intento di pace e mirando a sostenere la rinascita ed il progresso civile dello stato iracheno” divenendo così “un esempio di mirabile dedizione al senso del dovere e dell’amor patrio”.

“La Giornata del ricordo dei Caduti nelle missioni internazionali per la pace” consentirà a tutti i cittadini l’opportunità di unirsi nel ricordo di coloro che sono caduti tributando loro un doveroso omaggio e di manifestare la propria vicinanza alle loro famiglie, mostrando l’orgoglio di appartenere ad una Patria che, pagando anche un pesante tributo di vite, è protagonista della comunità internazionale in difesa dei diritti fondamentali dell’uomo, della democrazia e nel fronteggiare il terrorismo in ogni sua forma ispirandosi ai dettami della nostra Costituzione.

Posted by on 12 novembre 2010. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento