Roma: operazione “er maracana”, catturato nono pusher

ROMA 12 Novembre 2010 – Anche il nono pusher, destinatario dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, sfuggito alla cattura nel corso del blitz di martedì, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Roma San Basilio. Si tratta di un 22 enne romano, già noto alle forze dell’ordine.
Con questo arresto giungono a 105 gli arresti eseguiti, negli ultimi mesi, dai Carabinieri di Roma a San Basilio, nel quadro di una mirata strategia operativa finalizzata a contrastare i reati in materia di sostanze stupefacenti nel quartiere.
Martedì scorso i Carabinieri della Stazione di Roma San Basilio, dopo un anno e tre mesi di indagini, hanno inflitto un duro colpo ai trafficanti di droga dell’area storica definita “il quartiere”, nella zona di San Basilio, tristemente nota per lo spaccio di sostanze stupefacenti, dove file di auto incolonnate aspettavano il proprio turno per comprare la dose. Nove sono state le persone destinatarie di ordinanza di custodia cautelare in carcere, 47 quelle denunciate per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di ingenti quantità di stupefacenti, mentre 43 le perquisizioni eseguite tra Roma, le province dell’Aquila, Viterbo e Rieti.
Nel corso dell’operazione sono state inoltre scoperte dai Carabinieri 1731 utenze telefoniche “fantasma”, rilasciate da 3 dealer romani, con le quali i pusher potevano tranquillamente dialogare senza essere identificati e intestate a persone fisiche inesistenti o reali, i cui dati erano stati acquisiti illegalmente.
E’ stato anche accertato che alcune ragazze, in evidenti difficoltà economiche, per pagarsi la dose, vendevano il loro corpo, direttamente sul posto.
Gli scambi, lungo le strade del quartiere, avvenivano solo previo nulla osta delle vedette, giovani incaricati di avvisare dell’eventuale presenza delle forze dell’ordine. Sequestrati oltre a diversi chili di stupefacenti anche beni mobili e immobili.

Posted by on 12 novembre 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento