Roma: nascondevano droga dentro computer, polizia arresta padre e figlio

Roma: nascondevano droga dentro computer, polizia arresta padre e figlio ROMA 17 Novembre 2010 – All’apparenza un computer, come ce ne sono tanti nelle case. All’interno invece una busta contenente quasi un etto di cocaina ed un bilancino di precisione.
Questo l’originalissimo nascondiglio escogitato da M.P. 51enne d’origine calabrese, e da M.M. 21enne romano, arrestati ieri pomeriggio per detenzione ai fini di spaccio, che però non è sfuggito agli agenti del Commissariato Casilino, diretto dal dott. Antonio Roberti, e a quelli del Commissariato di Marino, diretto dalla dott.ssa Maria Filomena Martino.
Un’attività di spaccio condotta all’interno delle mura domestiche. Padre e figlio, quest’ultimo pregiudicato, all’interno dell’abitazione famigliare avevano messo su una fiorente attività di confezionamento di sostanze stupefacenti.
Nel corso di alcuni servizi antidroga effettuati dalla Polizia di Stato nei giorni scorsi nella zona di Torbellamonaca, gli agenti hanno notato un frequente via vai di tossicodipendenti, nell’appartamento di via Camassei.
Al momento del blitz, la figlia 16enne di M.P. ha tentato di ferire un agente con un coltello, per impedire l’arresto dei congiunti ed è stata quindi denunciata in stato di libertà per tentate lesioni a pubblico ufficiale.
All’interno di un armadio gli arrestati custodivano 5330 euro in banconote di vario taglio, probabile provento dell’attività di spaccio.
Nel corso della perquisizione, in un pensile della cucina, i poliziotti hanno trovato e sottoposto a sequestro anche sostanza da taglio.

Posted by on 18 novembre 2010. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento